menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Cardiologia aperta": all'ospedale Civile è possibile mettere il cuore in cassaforte

Sabato una giornata intera dedicata alla prevenzione, dalle 9 alle 12.30. Un'intera mattinata di informazione e sensibilizzazione della popolazione alle problematiche cardiologiche

La Cardiologia del Civile continua ad offrire ai veneziani la possibilità di "mettere il proprio cuore in cassaforte", con il progetto Bancomheart. "È possibile per gli utenti registrare il proprio elettrocardiogramma su una tessera magnetica, - spiega il primario Giuseppe Grassi - da tenere in tasca proprio come si fa con un la tessera del bancomat. L’elettrocardiogramma risulta così archiviato nella banca dati dell’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri, costruita appositamente per il progetto. Ed è un vantaggio importante, soprattutto per i pazienti a rischio, avere il proprio ecg e i dati clinici a disposizione per un confronto, in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo ci si trovi: il Bancomheart infatti permette di accedere da qualsiasi postazione internet a questi dati importanti tramite un pin presente sulla scheda e una password".

L’Ulss 3 continua quindi a sostenere il progetto Bancomheart, su cui è attiva da anni. Il mese di febbraio è quello tradizionalmente dedicato alle "cardiologie aperte", e a Venezia l’appuntamento è fissato per sabato 11 febbraio: "Dalle 9 alle 12.30 - spiega Grassi - negli ambulatori della Cardiologia dell’ospedale Civile, in collaborazione con gli Amici del Cuore di Venezia, si svolge una mattinata di informazione e sensibilizzazione della popolazione alle problematiche cardiologiche".

Ai pazienti verrà offerta la possibilità di un colloquio con i medici della Cardiologia veneziana e verranno distribuiti opuscoli sui corretti stili di vita: "Saremo impegnati ad eseguire alla popolazione l’elettrocardiogramma e la misurazione della pressione arteriosa - conclude il primario - ma oltre alla solita documentazione cartacea, al paziente verrà consegnato il Bancomheart. Gli utenti i cui dati saranno messi 'in cassaforte' ne ottengono un immediato vantaggio; ma ricordiamo che il progetto ha anche rilevanza scientifica, perché mette a disposizione degli specialisti un’importante mole di dati su cui fare ricerca per un continuo affinamento delle conoscenze e un continuo miglioramento delle cure".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento