rotate-mobile
Cronaca

Carnevale: Venezia presa d'assalto, ma le polemiche non mancano

Complice il bel tempo sono già oltre 100mila le persone che hanno raggiunto il centro storico nel primo pomeriggio. Il direttore generale del Comune Agostini: "L'arte di lamentarsi ha stufato"

Eccolo il "weekend grasso" del Carnevale di Venezia. Per i giorni clou della manifestazione anche il meteo pare aver deciso di essere clemente. Finalmente il sole bacia calli e campielli, facendo da sfondo ai molti eventi dedicati a turisti e residenti.

I primi numeri sembrano denotare un fine settimana di pienone. La centrale operativa della polizia municipale, infatti, ha stimato in circa 100mila gli arrivi nel centro storico lagunare alle 15. Agli arrivi si sommano le presenze in città degli ospiti nelle strutture ricettive. Fino alle 11 sono giunti ai varchi della ztl 224 autobus, mentre sono oltre 400 le automobili nei parcheggi attorno a Venezia. Alle 15 sono stati staccati oltre 10mila biglietti ai principali pontili di accesso alla città.

IL COMUNE RISPONDE ALLE POLEMICHE - Le presenze sottotono rispetto alle edizioni precedenti, complice il gelo che si è abbattuto sull'Italia, non hanno mancato di generare polemiche tra chi il Carnevale l'organizza e chi invece il Carnevale lo vive. "A livello di ricettività la situazione non è così negativa per tutti – ha specificato l'assessore al Turismo Panciera –. Ci risulta che una parte degli esercenti sia soddisfatta e una parte meno, ma questo dimostra semplicemente che il mercato sta premiando la professionalità e le politiche aziendali più efficaci. Il fatto poi che non si siano registrati i numeri del passato in Piazza San Marco si deve anche alla programmazione decentrata degli eventi, che ha portato il Carnevale in tutto il territorio comunale: è infatti la città nella sua interezza che ne beneficia”.

"L'ARTE DI LAMENTARSI HA STUFATO" - Il direttore generale di Ca' Farsetti Marco Agostini è andato giù duro. Nel mirino alcuni esercenti che si sono lamentati dell'organizzazione della kermesse, secondo cui avrebbe preso la forma di "una sagra paesana": “Il Carnevale come oggi lo conosciamo è rinato trent'anni fa dallo spirito di iniziativa dei veneziani ed è stato trasformato in seguito nella più importante realtà turistica in Italia, a livello di movimento economico prodotto - ha attaccato Agostini - Ebbene, programma alla mano, si nota che i partner del Comune che contribuiscono alla sua realizzazione sono sostanzialmente soggetti pubblici. Stiamo facendo miracoli, viste le scarsissime risorse a nostra disposizione. Saremmo ben disponibili - ha rimarcato il direttore generale - a ricevere contributi da tutti: l'arte di lamentarsi senza mettere risorse ha francamente stufato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carnevale: Venezia presa d'assalto, ma le polemiche non mancano

VeneziaToday è in caricamento