rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Cronaca Jesolo / Piazza Giuseppe Mazzini

Jesolo, piazza Mazzini e caro affitti, il sindaco: «Si consideri il contesto attuale nelle richieste dei canoni»

Il primo cittadino invita i proprietari di immobili a proporre dei canoni di locazione che tengano conto dell'attuale contesto economico e sociale «nel pieno rispetto della loro libertà di gestire come ritengono più opportuno i propri beni»

«Migliorare la qualità e il livello di sicurezza può incrementare l'appetibilità degli immobili. Continuiamo a lavorare per rilanciare l'area, così come siamo impegnati a creare opportunità per le imprese e adeguare i servizi per i cittadini in tutto il lido, il centro storico e nelle frazioni. Nel pieno rispetto della libertà dei proprietari di gestire come ritengono più opportuno i propri immobili e senza l'intenzione di entrare nelle logiche economiche private né, tantomeno, esprimere dei giudizi, invito chi possiede dei locali, non solo in piazza Mazzini e non solo di tipo commerciale ma anche residenziale, a proporre dei canoni di locazione che tengano conto dell'attuale contesto economico e sociale». A parlare è il sindaco di Jesolo, Christofer De Zotti, in un intervento che arriva in seguito ad alcune polemiche relative al caro affitti e alla possibile chiusura di alcuni locali ed esercizi commerciali in quello che, da sempre, è il cuore della località balneare, centro della movida e, spesso, anche di episodi di cronaca: piazza Mazzini. 

«Ciò che succede a Jesolo, tanto nel bene quanto nel male, ha eco come in nessuna delle altre località della costa veneta - aggiunge il primo cittadino -. E, in questo contesto, sotto i riflettori finisce in particolare piazza Mazzini. Spesso questa dinamica è stata vissuta come un problema ma per noi è un'opportunità. Alcuni dei primi interventi messi in campo dall'attuale amministrazione hanno riguardato la sicurezza proprio in quella zona di Jesolo». La scorsa estate, per far fronte alle criticità relative alla sicurezza e, in particolare, a episodi legati allo spaccio di droga e alla microcriminalità, l'amministrazione comunale di Jesolo era arrivata a imporre la chiusura di alcuni accessi al mare in orari serali. E questa non era stata l'unica misura. «Piazza Mazzini, le vie limitrofe e le piazze adiacenti possono diventare di nuovo il salotto buono della nostra città. Jesolo vuole continuare ad essere anche un luogo di divertimento ma per troppo tempo è stato consentito che qualcuno la vedesse come la città dello sballo - dice il sindaco -. Non è ammissibile e già la scorsa estate abbiamo adottato misure che avevano lo scopo di veicolare il messaggio che chi non rispetta Jesolo, gli jesolani e gli ospiti della città non è il ben accetto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jesolo, piazza Mazzini e caro affitti, il sindaco: «Si consideri il contesto attuale nelle richieste dei canoni»

VeneziaToday è in caricamento