Cronaca

Cartabia a Venezia: «Ho visto con i miei occhi le difficoltà dei luoghi della Giustizia lagunare»

Il ministro ha visitato questa mattina il cantiere della nuova cittadella della giustizia in Piazzale Roma. Poi un convengo nell'Aula d'Assise del tribunale a Rialto

«Questa mattina mi sono resa conto della sofferenza dei luoghi della Giustizia veneziana. Tutta la bellezza della città si traduce in difficoltà aggiuntive. Ci sono certe istantanee che non avrei potuto vedere, se non con i miei occhi». Lo ha detto questa mattina il ministro della Giustizia, Marta Cartabia, nel corso di un convegno nell'Aula d'Assise del Tribunale di Venezia.

Lo smembramento in cinque palazzi della Giustizia veneziana «spiegano la mancanza di attrattività della sede. - ha detto - Mi sono resa conto della difficoltà di arrivare alla Corte d'Appello dalla stazione e immagino i problemi per chi questo tragitto lo deve fare ogni giorno». C'è spazio anche all'ottimismo nell'intervento di Cartabia, che in mattinata si è recata in sopralluogo nel cantiere dell'ex Manifattura Tabacchi a Piazzale Roma, destinato a riunire tutti gli uffici giudiziari distribuiti nella città storica. «L'avanzamento dello stato dei lavori mi conforta, - ha spiegato - mi auguro che entro il termine della durata del Pnrr sia completata».

Il progetto della cittadella della giustizia

Il primo lotto della nuova cittadella - i cui lavori sono terminati a stralci tra il 2010 e il 2014 - ha visto l’insediamento di Tribunale Penale, Procura della Repubblica, Polizia Giudiziaria, Cit (Centro Intercettazioni) e Dda, Tribunale di Sorveglianza e di alcune sezioni civili della Corte d’Appello. Sono invece in corso i lavori per il completamento del secondo lotto, iniziati nel luglio del 2020, la cui conclusione è prevista per il primo trimestre del 2023. L’opera, dal costo complessivo di oltre 18 milioni di euro, è finanziata per 12,5 milioni dal bando Periferie promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, 5 milioni dal ministero della Giustizia e 1,1 milioni du euro con fondi comunali. In questi nuovi edifici ristrutturati troveranno spazio Tribunale Civile, sede dell’Ordine degli Avvocati e caffetteria.

È invece in corso la gara d’appalto per la progettazione definitiva ed esecutiva dei lavori del terzo lotto in cui andranno ad insediarsi la Procura Generale presso la Corte d’Appello, la Corte d’Appello Penale, il Tribunale Sorveglianza e Eppo (Procura Europea). L’intervento, del costo di 30 milioni euro, vedrà l’inizio dei lavori nel primo trimestre 2024 e la loro conclusione nel primo trimestre 2026.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cartabia a Venezia: «Ho visto con i miei occhi le difficoltà dei luoghi della Giustizia lagunare»

VeneziaToday è in caricamento