menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carte false pur di avere il permesso di soggiorno, azienda nei guai

Una ditta veneziana è finita nel mirino della squadra mobile di Udine: ccontratti di lavoro fasulli e in alcuni casi anche notte di comodo

Presentavano falsi contratti di assunzione, cud e buste paga per ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno. Sono 101, tra stranieri e datori di lavoro, spesso piccoli imprenditori, le persone indagate da inizio anno a oggi in diverse inchieste condotte dalla squadra mobile di Udine per violazioni in materia del testo unico sull'immigrazione e falso. Tra gli indagati ci sono persone delle nazionalità più varie, principalmente kosovari (25), ma anche ghanesi (10), senegalesi (9), marocchini e macedoni (8), albanesi (7) e poi ancora tunisini, egiziani e liberiani.

Sei le ditte coinvolte, tre di Gorizia, le altre di Udine, Pordenone e Venezia. In un caso i poliziotti della squadra mobile hanno accertato che un'azienda, seppure inattiva da tempo e senza cantieri aperti, aveva assunto una ventina di persone nel giro di due o tre anni. La maggior parte dei casi sono avvenuti nel settore dell'edilizia, ma sono stati riscontrati anche casi di finti contratti di colf e badanti.

Gli stranieri erano disposti a pagare dai 500 ai 3.000 euro per i finti contratti pur di ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno o pur di dimostrare il reddito necessario al ricongiungimento familiare. Nelle indagini sono emersi anche casi di matrimoni fittizi tra donne italiane e stranieri extracomunitari.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento