menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cede quinto dello stipendio per il debito di 9 mila euro: Equitalia le manda un'altra cartella

Il fatto riportato dall'associazione consumatori mestrina Adico. L'impiegata 50enne per il fisco avrebbe stipendio troppo basso e la dilazione avrebbe fatto maturare ulteriori interessi

Rapporto fra cittadini ed Equitalia, l'agenzia di riscossione di multe e tasse, sempre più difficile racconta l'Adico, associazione consumatori mestrina alle prese con una vicenda che ha coinvolto un'impiegata 50enne del posto. La donna, già colpita da una cartella da 9 mila euro anni fa per contravvenzioni e bolli non pagati, si è vista arrivare, in settimana, un'altra sanzione del valore quasi analogo alla precedente.

Secondo quanto riferito dalla donna all'Adico, l'importo della seconda sarebbe da imputare a interessi maturati sulla prima sanzione. Nonostante la cessione del quinto dello stipendio, per onorare il debito infatti, la restituzione così dilazionata non sarebbe stata sufficiente ad estinguere in tempi adeguati il debito e questo avrebbe comportato il maturare di altri interessi.

Secondo quanto affermato dalla stessa Equitalia, chiarisce Adico, gli interessi sono maturati perché lo stipendio della signora è troppo basso e i soldi mensilmente incorporati dall’agenzia, troppo pochi. “La vicenda è davvero molto particolare – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – il nostro ufficio legale la sta studiando per capire cosa sia successo. E’ stata Equitalia a chiedere e a ottenere dal giudice la cessione del quinto dello stipendio. E’ da diversi anni che la nostra socia sta pagando mensilmente il debito tanto da averlo onorato in buona parte. Ora, di fronte a questa nuova richiesta di pagamento, si sente totalmente disorientata. Per questo ha deciso di affidarsi alla nostra associazione. Naturalmente in questa fase, in attesa di ricostruire al meglio la vicenda, si procederà alla rottamazione della cartella, che permette di ridurre di molto l’importo richiesto da Equitalia. Fermo restando che ancora una volta l’agenzia di riscossione mostra modalità d’azione che non ci convincono e che ci lasciano molto perplessi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento