menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dirigente comunale da 100mila euro, alloggio da 360 euro mensili

Indagini sull'Ater, le Fiamme Gialle vagliano molti casi tra cui quella di un appartamento al Lido. Lente d'ingrandimento sulle graduatorie

Una casa popolare al dirigente comunale, un alloggio da 360 euro al mese nel cuore del Lido di Venezia. La Guardia di Finanza ha messo gli occhi su questo appartamento nell’ambito della delicata inchiesta su Ater Venezia, concentrata prevalentemente su un migliaio di affitti a canone semi-libero. Come riportano i quotidiani locali, per accedere alle graduatorie sarebbe necessario dimostrare di avere un reddito fino a 60mila euro.

Spetta all’Ater verificare se questo requisito è rispettato, ma la Guardia di Finanza vuol vederci chiaro perché un dirigente comunale a Venezia guadagna uno stipendio lordo che ai aggira sui 100mila euro.

Spesso capita che gli inquilini si facciano carico dei lavori di restauro di un alloggio, in questo caso il costo dell’intervento viene detratto dall’affitto. Gli uomini delle Fiamme Gialle avrebbe riscontrato però diverse anomalie su cui andare a fondo. I finanzieri indagano per capire se si tratta solamente di una palese disorganizzazione nei criteri di assegnazione degli alloggi, oppure se sotto ci sia qualcos’altro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento