menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Case popolari con muffa, Lanzarin risponde: "Denuncia un moroso, i lavori partiranno"

L'assessore regionale all'Edilizia pubblica e al Sociale Manuela Lanzarin rende nota la risposta inviata all'inquilino degli alloggi di Mestre che ha denunciato pubblicamente la situazione nelle quali versano gli appartamenti

L’assessore regionale all’Edilizia pubblica e al Sociale Manuela Lanzarin rende nota la risposta inviata all'inquilino degli alloggi di Mestre che ha denunciato pubblicamente la situazione nella quale versano gli appartamenti.

“Gentilissimo signor Gianfranco, le scrivo per confermarle quanto l’Ater di Venezia le ha già comunicato formalmente: a settembre inizieranno i lavori per il rifacimento integrale del tetto dell’immobile nel quale risiede”, assicura l’assessore, che prosegue: “Capisco il disagio per la lunga attesa, ma devo anche manifestarle il disappunto per una protesta che, nel merito e nel metodo, trovo ingenerosa e immotivata. Riscontro, infatti, che alla data odierna Lei risulta non aver pagato il canone ormai da più di un anno, pur dichiarando un reddito certificato tutt’altro che disagiato. Tanto che il servizio legale dell’Ater di Venezia Le ha già notificato l’avvio della procedura di sfratto per morosità”. 

“Le scrivo – prosegue l’assessore - per manifestarle il disagio mio e dei veneti di fronte a casi come il suo: inquilini insolventi e morosi, con capacità economiche adeguate per accedere al libero mercato della locazione, richiamano pubblicamente l’azienda pubblica all’assolvimento dei propri compiti istituzionali di buona manutenzione degli alloggi. Manutenzioni che l’Ater di Venezia, come le altre Ater del Veneto, fatica sempre più ad assolvere, proprio a causa di  comportamenti come il Suo”. 

“Converrà con me – conclude - che la sua protesta, strumentalmente amplificata da qualche forza politica,  appare decisamente iniqua nei confronti del patrimonio pubblico e delle decine di migliaia di veneti che abitano le case della Regione e pagano regolarmente il canone di affitto. Solo grazie al comportamento corretto e onesto degli inquilini, Regione e Ater potranno garantire la buona gestione delle ‘case popolari’ per offrire una soluzione abitativa dignitosa a chi è più in difficoltà e non è nelle condizioni di sostenere un affitto di mercato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Veneto sarà quasi di sicuro in area arancione, Zaia: «Oggi l'Rt è a 1,12»

  • Cronaca

    Ordinanza anti alcol a Venezia in vista del weekend

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento