Ulss 3, nelle scuole finora 17 contagi da coronavirus e una classe in quarantena

Tanti tamponi di screening, sia sui sospetti che sui contatti stretti, ma poche positività. In un caso, in una scuola superiore di Mirano, è stato necessario isolare tutti gli studenti di una classe. Nel territorio dell'Ulss 4, invece, sono stati riscontrati 5 casi positivi

Dopo una decina di giorni di scuola (con le elezioni in mezzo) si tirano le prime somme sulla diffusione dell'epidemia di coronavirus tra studenti e personale. Il territorio dell'Ulss 3, al momento, presenta questa situazione: 17 casi positività al coronavirus distribuiti in 16 istituti, una sola classe in quarantena e nessun focolaio interno.

I dati nelle scuole Ulss 3

I positivi, per la precisione, sono 13 alunni e 3 operatori scolastici, dislocati in altrettanti complessi scolastici, tutti con sintomi lievi; a questi si somma un unico ulteriore contatto positivo individuato con l’indagine epidemiologica (asintomatico), per un totale, appunto, di 17. Una quarantina, tra studenti e insegnanti, sono sottoposti a quarantena: tra questi, una intera classe di una scuola superiore di Mirano. È stato l'unico caso in cui l'Ulss 3 ha preferito isolare tutti gli alunni perché evidentemente, nei giorni precedenti, si era verificata un'occasione di contatto stretto e prolungato tra loro. Finora, specifica l'azienda sanitaria, i casi emersi non hanno dato vita ad alcun focolaio.

Bassa percentuale di positivi

Sui 97.870 alunni e studenti dei 175 istituti di ogni ordine e grado presenti nel territorio dell’azienda sanitaria, dall’avvio dell’anno scolastico sono stati effettuati 1.670 tamponi su soggetti sintomatici. Sono 317 gli esami somministrati ai bambini fino ai due anni, 679 dai tre ai cinque anni, 424 dai sei ai dieci, 129 dagli undici ai tredici e 121 dai quattordici ai diciotto. «Finora i numeri dei positivi sono molto contenuti - ha detto il direttore dell'Ulss 3, Giuseppe Dal Ben -, anche se la frequenza della sintomatologia tra gli studenti ha portato all’effettuazione di una grande quantità di tamponi». All'attività di prevenzione contribuisce la scuola con un lavoro «attento e responsabile» sul rispetto delle norme, ma anche i medici di base e i pediatri, che possono prescrivere o meno il tampone in base ai sintomi che i pazienti presentano.

Cosa succede quando si scopre un positivo

Nei casi di positività si attiva l’indagine epidemiologica del Sisp: gli specialisti dell’Igiene pubblica fanno un’analisi attorno al caso indice per individuare i suoi contatti stretti e possono decidere, come accaduto nella maggioranza dei casi, di evitare la quarantena a tutti i compagni. Questo è anche merito di come sono gestite le scuole: i nidi e le materne, ad esempio, utilizzano modalità di lavoro per piccoli gruppi; alle superiori, invece, vale anche il ferreo distanziamento in classe. Quando viene scoperto un positivo, comunque, vengono fatti i tamponi a tutti coloro che hanno condiviso l’aula: possono essere rapidi (con esito che arriva in quindici minuti), prenotati dal pediatra o dal medico di famiglia, organizzati per classe, effettuati nei drive through aziendali e nelle cinque "postazioni Covid" dell’Ulss 3.

La situazione nel Veneto orientale

Per quanto riguarda il Veneto orientale, ovvero l'area di competenza dell'Ulss 4, ad oggi sono 5 i bambini riscontrati positivi in 5 istituti scolastici (scuole d'infanzia e primarie): il personale del dipartimento di prevenzione è intervenuto nei 5 istituti svolgendo tamponi complessivamente a 173 persone tra bambini, insegnanti e genitori, anche in questo caso tutti negativi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più nel dettaglio: in un istituto scolastico del Portogruarese è stata rilevata una positività ed effettuati 41 tamponi; in due istituti del Sandonatese è stato rilevato un caso di positività ed eseguiti 37 tamponi; sono stati invece 2 i casi di bambini riscontrati positivi al coronavirus in un istituto di Meolo, a seguito dei quali sono stati eseguiti 50 tamponi. Infine in una scuola di Fossalta di Piave è stata riscontrata una positività ed effettuati 48 tamponi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento