rotate-mobile
Cronaca

Caso Maritan, Zaccariotto rimane in silenzio davanti ai magistrati

La presidente indagata per abuso d'ufficio per l'assegnazione, quando era sindaco di San Donà, di un incarico a un pregiudicato per droga

L'ex sindaco di San Donà e attuale presidente della Provincia di Venezia si è avvalsa della facoltà di non rispondere venerdì pomeriggio davanti ai magistrati. L'esponente leghista, infatti, come riportano i quotidiani locali, è stata iscritta nel registro degli indagati per i reati d'abuso d'ufficio e falso per l'assegnazione dell'incarico di guardiaparchi a un pregiudicato per reati di droga.

Francesca Zaccariotto è indagata perché in quel momento, nell'estate 2012, era primo cittadino della città del Piave. Chi ha beneficiato dell'incarico è stato Luciano "Ciano" Maritan, nipote del più famoso Silvano, l'ex braccio destro di Felice Maniero nella Mala del Brenta. Il silenzio dell'attuale titolare di Ca' Corner è stato giustificato dal fatto, secondo il suo legale difensore, che l'indagata non sarebbe stata messa al corrente di tutti elementi a suo carico raccolti durante le indagini (nei mesi scorsi i carabinieri del nucleo investigativo di Mestre si spinsero fino al municipio di San Donà per controllare molta documentazione).
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Maritan, Zaccariotto rimane in silenzio davanti ai magistrati

VeneziaToday è in caricamento