Enel assume ancora a Fusina, primo giorno per 10 under 30

Nell'impianto "Andrea Palladio" ne arriveranno in tutto 25, tutti giovani, qualificati e provenienti dalla provincia veneziana

Primo giorno di lavoro per i neoassunti di Fusina: giovedì la prima decina di under 30 ha timbrato il cartellino alla centrale Enel “Palladio”. In tutto 25, i giovani sono tutti provenienti dalla provincia di Venezia e dai comuni limitrofi, tutti con diploma di perito industriale o maturità tecnica professionale con specializzazione meccanica, elettrica, elettronica o chimica.

LA CENTRALE – L'impianto di Fusina è stato ammodernato negli anni novanta e duemila, e ad oggi è dotato di quattro sezioni produttive, in grado di garantire una potenza complessiva di 976 Mw; la centrale “Palladio” risulta inoltre fornita di tutti i più moderni dispositivi per la riduzione delle immissioni in atmosfera, in maniera da procedere con il minor impatto ambientale possibile. Per la sua particolarità l'impianto Enel sarà visitata da una delegazione di europarlamentari, in particolare da alcuni componenti della Commissione Itre - Industria, Ricerca, Energia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE ASSUNZIONI - Le “nuove leve” arrivate giovedì a Fusina rientrano nel programma di 1.500 assunzioni avviato dall'azienda a fine 2013. Enel completa così il piano di assunzioni che dal 2009 ad oggi ha portato 71 nuovi giovani diplomati, 25 dei quali nell'ultimo trimestre, nell'impianto termoelettrico “Andrea Palladio”. La società vuole in questo modo sottolineare il suo impegno per il territorio, favorendo il ricambio generazionale e l'impiego dei giovani qualificati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento