rotate-mobile
Cronaca

Il Comune conferma i centri estivi per i bambini anche nel 2013

Ad annunciarlo è stato l’assessore comunale alle Politiche educative, Andrea Ferrazzi, che ha anche riconfermato le tariffe dell'anno scorso

Nonostante il rischio di bilancio, anche per quest'anno il Comune di Venezia non sospenderà i centri estivi. L'iniziativa dedicata ai bambini delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado coprirà in maniera uniforme tutto il territorio. Ad annunciarlo è stato l’assessore comunale alle Politiche educative, Andrea Ferrazzi, nel corso della conferenza stampa, svoltasi mercoledì al municipio di Mestre, a cui hanno preso parte anche i presidenti delle municipalità di Mestre Carpenedo, Massimo Venturini, di Marghera, Flavio Dal Corso, di Venezia Murano Burano, Erminio Viero, di Favaro, Ezio Ordigoni, di Chirignago Zelarino, Maurizio Ezio.??

LE TARIFFE - “Nonostante i gravi problemi di bilancio - ha spiegato Ferrazzi - congelando alcune spese siamo riusciti a reperire 40.000 euro all’interno dei fondi spettanti alle Politiche educative, che ci consentono così di confermare in toto anche per il 2013 questo servizio, che costa complessivamente 215.000 euro, e che è ormai diventato essenziale per le famiglie: sono infatti oltre 4.000 i bambini del nostro Comune che partecipano ai centri estivi diurni”.? Ferrazzi ha anche garantito che saranno confermate le tariffe vigenti lo scorso anno: 90 euro per un modulo di 15 giorni a tempo pieno, e 72 euro per il tempo parziale, con agevolazioni per i fratelli (60 euro a tempo pieno e 48 per il part-time). Confermati anche gli importi per la refezione, col pacchetto di 10 ticket che costerà, per i bambini dai 3 ai 6 anni, 33 euro e per quelli oltre i 6 anni, 35,5 euro. Particolare attenzione sarà posta anche quest’anno ai bambini disabili, che saranno seguiti da apposito personale.??

SPERIMENTALI - “Grazie ai fondi di una legge nazionale – ha aggiunto Ferrazzi - sono stati inoltre confermati anche i moduli sperimentali per i pre-adolescenti, dagli 11 ai 14 anni, avviati già in alcune municipalità, come Marghera e Chirignago-Zelarino”. I fondi saranno ripartiti tra le varie municipalità sulla base delle presenze registrate lo scorso anno. Ognuna di esse, tenendo conto delle particolari esigenze del suo territorio, potrà scegliere le sedi, il numero di partecipanti, la stessa durata dei moduli e l’arco di tempo (tra giugno e settembre) in cui si svolgeranno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune conferma i centri estivi per i bambini anche nel 2013

VeneziaToday è in caricamento