Cronaca

Sfruttamento della prostituzione: sequestrati due centri massaggi

Operazione della polizia tra San Donà ed Eraclea. A capo c'era una donna di 36 anni

Foto d'archivio

La squadra mobile della questura di Venezia ha sequestrato a San Donà di Piave ed Eraclea due centri massaggi in cui venivano fatte prostituire giovani donne di nazionalità cinese. Il provvedimento arriva al termine di un'indagine partita a settembre scorso in seguito alle segnalazioni dei residenti.

I due centri, secondo la ricostruzione degli investigatori, erano gestiti da una donna di 36 anni (anche lei cinese), ora indagata. La donna pubblicizzava l'attività sul web pubblicando foto delle ragazze in pose sessualmente esplicite. Era lei, inoltre, che contrattava il prezzo del servizio con i clienti: il tariffario prevedeva prestazioni per una spesa tra i 50 ed i 100 euro per un rapporto completo.

Oltre al sequestro preventivo, la procura della Repubblica ha richiesto al gip l’applicazione all’indagata della misura cautelare dell’obbligo di dimora e dell’obbligo di firma: è accusata dei reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfruttamento della prostituzione: sequestrati due centri massaggi

VeneziaToday è in caricamento