menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Centro antiviolenza Venezia

Centro antiviolenza Venezia

«Un percorso per tornare libere»: 8 marzo, cresce la violenza nell'anno del Covid

Le nuove proposte culturali del Centro antiviolenza del Comune di Venezia per supportare le donne che cercano sostegno, nel segno della promozione di una cultura di genere

Il Centro antiviolenza del Comune di Venezia ha presentato un corto dedicato ai giovani e una mostra sul tema dell'uscita dalla violenza, in occasione dell'8 marzo e in un anno difficile, quello del Covid, che ha acuito i problemi per le restrizioni e la permanenza forzata all'interno delle mura domestiche. Un documentario e una mostra che affronta il tema dell'affrancamento dalla violenza per informare e sensibilizzare la cittadinanza, in un anno così fragile e complesso a causa degli effetti della pandemia.

Sono due le nuove proposte culturali del Centro antiviolenza in occasione dell’8 marzo 2021 per supportare le donne che cercano sostegno per un progetto di uscita dalla violenza, nel segno della promozione di una cultura di genere. «Un percorso difficile – spiegano le operatrici - non costante o lineare, che richiede fatica e determinazione perché comporta un forte cambiamento, per riappropriarsi della propria libertà. Il Centro continua a rappresentare un luogo sicuro dove chiedere aiuto e protezione, in cui la donna può essere ascoltata, accolta ed aiutata senza alcun giudizio».

Il cortometraggio "Oltre gli stereotipi: giovani sguardi sulla violenza di genere" vuole comunicare un messaggio: la violenza di genere si può contrastare anche a distanza e ognuno di noi può avere un ruolo. Diretto da Rachele Casato e realizzato in collaborazione con La Esse, il video è pubblicato e disponbile sul canale YouTube del Comune di Venezia. Il cortometraggio presenta gli interventi dell’antiviolenza attraverso lo sguardo delle ragazze e dei ragazzi che hanno già partecipato ad un laboratorio teatrale organizzato in collaborazione con le scuole secondarie di secondo grado del territorio. Le due ragazze protagoniste, Ana e Denise, hanno studiato al liceo statale Luigi Stefanini di Mestre ed è proprio in questo istituto che l’8 marzo 2021 le operatrici del centro antiviolenza parteciperanno ad un’assemblea di istituto dedicata al contrasto delle violenza sulle donne insieme alle due ex-studentesse protagoniste del cortometraggio che verrà proiettato durante l’assemblea di istituto, alla presenza di studenti e docenti.

«Attraverso le immagini – sottolineano le operatrici - potremo entrare insieme alle ragazze e ai ragazzi dentro alla sede del Centro in viale Garibaldi a Mestre agli sportelli di Cannareggio e del Lido di Venezia». Sempre l’8 marzo, a celebrazione della giornata dedicata dall’Onu ai diritti delle donne, il Centro Antiviolenza del Comune di Venezia presenta alla libreria Heimat di Marghera l'esposizione delle opere pittoriche di Catarina, artista emergente che affronta il tema dell'affrancamento dalla violenza e propone un percorso tra passato, presente e futuro di donne che hanno vissuto soprusi e maltrattamenti. Si tratta di dieci quadri realizzati con tecniche diverse, tra cui un dipinto su pagine di un romanzo.

Il Centro Antiviolenza Il Centro Antiviolenza del Comune di Venezia, che lo scorso anno ha raggiunto i 25 anni di attività, offre aiuto alle donne, gratuitamente e in modo riservato grazie ad un’equipe di professioniste che comprende assistenti sociali, psicologhe, educatrici e consulenti giuridico-legali, composta da operatrici dipendenti del Comune di Venezia e operatrici della Cooperativa la Esse. Le operatrici lavorano in rete con altri servizi pubblici e privati, enti ed istituzioni del territorio. Il Centro è aperto 5 giorni alla settimana; garantisce la reperibilità telefonica h24 in collegamento con il Pronto Soccorso dell’ospedale dell’Angelo di Mestre e quello dei santi Giovanni e Paolo di Venezia e collabora con il Numero verde nazionale 1522.

Il Centro gestisce 2 Case Rifugio, di proprietà comunale. Dal 2020, oltre alla sede principale di Mestre, il Centro è presente con due sportelli Antiviolenza, uno a Venezia in centro storico e uno al Lido. Per informazioni: Centro Antiviolenza del Comune di Venezia Mestre – Venezia, viale Garibaldi 155/A Tel. 041274 4222 centro.antiviolenza@comune.venezia.it, lunedì e giovedì ore 9-16, martedì, mercoledì e venerdì ore 9-13. Venezia, Villa Groggia Calle del Capitelo 3160/A; Lido di Venezia, via Sandro Gallo 32/A. Cell. 3669308389 attivo martedì ore 9-17 e giovedì ore 9-13 su WhatsApp. Gli sportelli sono aperti il martedì su appuntamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

  • Cronaca

    Avm, per la commissione di garanzia la disdetta normativa è corretta

  • Cronaca

    Msc conferma due navi da crociera a Venezia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento