menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Saverio Pavone in un incontro con l'associazione Mestre Mia, nel 2018

Francesco Saverio Pavone in un incontro con l'associazione Mestre Mia, nel 2018

Il centro ricerche sulle mafie di Dolo sarà intitolato a Francesco Saverio Pavone

Era tra i componenti del Cidv, recentemente istituito. «Viene a mancare un protagonista della battaglia per l'affermazione della legalità e della Giustizia», scrive il presidente

Il Cidv, centro di inchiesta e documentazione sulla criminalità organizzata del Veneto, sarà dedicato a Francesco Saverio Pavone, scomparso ieri all'ospedale di Mestre. Pavone, magistrato che si era occupato delle inchieste sulla Mala del Brenta, faceva parte del comitato scientifico del Cidv. Il centro era stato inaugurato a Dolo il 17 febbraio con una cerimonia a cui aveva partecipato anche la ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese.

Maurizio Dianese, presidente del Cidv, ha ricordato così l'ex procuratore: «È la perdita di un amico e di un magistrato di grande valore. Una perdita irreparabile, che sottrae alla comunità una fonte di conoscenza fondamentale sulle mafie nel Nord est. La scomparsa di Francesco Saverio Pavone, componente del comitato scientifico del Centro di documentazione e d'inchiesta sulla criminalità organizzata, ci rammarica e ci rattrista perché viene a mancare un protagonista della battaglia per l'affermazione della legalità e della Giustizia. Per questo come presidente del Centro di documentazione, assieme a Gianni Belloni, Roberta Polese e Antonio Massariolo, componenti del comitato di gestione, proporremo al Comune di Dolo di intitolare a Francesco Saverio Pavone il Centro di documentazione e d'inchiesta sulla criminalità organizzata».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento