rotate-mobile
Cronaca San Marco / Piazza San Marco

"Sogna ragazzo sogna", Vecchioni da il "la" alla cerimonia di laurea di Ca' Foscari

Sono 1016 gli studenti triennali che hanno ricevuto il diploma di laurea in una Piazza San Marco gremita. Ospite il cantautore e docente, che ha voluto salutare i ragazzi a suo modo

Uno dei momenti più attesi per migliaia di studenti (1016 per la precisione). Nella giornata di venerdì, dopo anni di studio, gli studenti tirennali di Ca' Foscari lanceranno i propri tocchi al cielo, come usanza chiede, per festeggiare il raggiungimento di un traguardo importante. Ad aprire la cerimonia l'intervento del rettore Michele Bugliesi: "Questa è la vostra festa, il momento in cui ricordare che siete riusciti a farcela nonostante i momenti difficili. È anche un’occasione per riflettere: di sicuro siete persone migliori perché avete acquisito senso critico. Ora avete qualcosa in più da dare, migliorerete il futuro. Continuerete a fare esperienze. Fatelo mantenendo la curiosità".

Ospite della cerimonia il cantautore e scrittore Roberto Vecchioni che al termine del proprio intervento ha voluto regalare ai neodottori la canzone “Sogna, ragazzo sogna”, eseguita dal vivo con l’accompagnamento di due musicisti: "Vedo banchi da quando avevo quattro anni, ho capito lentamente cosa significhi essere insegnante ed essere uomo. È tanta la gioia di vedervi andare avanti, il mondo ha bisogno di voi. È un momento di speranza: abbiamo bisogno di persone che lottino con la spada e lo scudo della cultura. Io non vi insegno nulla, sapete già cosa fare: fate capire ai vostri figli cos’è il bello. Davanti alle brutture del mondo tenete il cuore fermo. Ciò che conta è il cuore".

Sul palco anche i due migliori studenti della sessione, italiano e straniero. Davide Della Ricca, migliore studente italiano della sessione: "Il mio augurio è di continuare, da domani, a perseguire i nostri obiettivi e i nostri sogni in un percorso di eccellenza professionale, per quanti decideranno di entrare nel mondo del lavoro, e di eccellenza accademica, per quanti vorranno continuare con nuove e più alte sfide universitarie. Credo sia doveroso ringraziare Ca’ Foscari, che queste opportunità ce le ha offerte e ci ha permesso di compiere un percorso di crescita tanto accademica quanto personale".

Daryna Mysak, migliore studentessa straniera della sessione: "L'università mi ha insegnato a guardare il mondo con curiosità e a pormi continuamente nuove domande, anche su ciò che sembra ovvio, perché è così che si coltiva la conoscenza. Ho compreso l'importanza dei fallimenti e che a volte questi siano più preziosi dei successi. Ho capito che l'unico modo per poter svolgere al meglio un lavoro è amare ciò che si fa e che niente vale più della nostra felicità. Perché è con passione, dedizione e costanza che possiamo raggiungere tutti gli obiettivi che ci prefiggiamo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sogna ragazzo sogna", Vecchioni da il "la" alla cerimonia di laurea di Ca' Foscari

VeneziaToday è in caricamento