menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Porsei", "Isis merde": pensa sia una moschea ma è la chiesa copta

Un vandalo ha clamorosamente sbagliato obiettivo: ha imbrattato l'edificio cristiano in costruzione tra svastiche e scritte anti Islam

Qualcuno stavolta ha sbagliato obiettivo. Voleva sbeffeggiare gli islamici, invece ha finito per imbrattare un edificio di culto cristiano. Un cortocircuito logico, e chissà quanto si mangerà le mani il vandalo quando scoprirà che quando ha scritto con lo spray "cristo" su quella che sembrava per lui una moschea, in verità ha proprio indicato chi sarà venerato lì dentro. Un fanatico religioso che vuole esprimere tutta la propria gioia nel credere nel Signore? Parrebbe proprio di no.

Quel writer misterioso che nella notte tra giovedì e venerdì è entrato in azione in corrispondenza del cantiere di costruzione della chiesa ortodossa copta di Campalto, a pochi metri dal Don Vecchi, in verità ce l'aveva soprattutto con gli arabi. A dimostrarlo chiaramente quel "porsei" e quell'"Isis Merde" che ha distribuito tra le candide pareti del luogo di culto. Non è chiaro il motivo per cui siano spuntate anche delle svastiche. O, anzi, il motivo è chiarissimo: il blitz è stato concepito avendo una certa confusione in testa tra i vari tipi di culto e su come poterli sbeffeggiare.

Fatto sta che non si tratta propriamente di un edificante epidodio di tolleranza, a prescindere dal tipo di religione che verrà professata all'interno della chiesa copta. Quando sarà ultimata si riempirà soprattutto di esponenti della comunità egiziana, Paese dove questo culto e nato e può contare ancora di un elevato numero di fedeli. Come già è possibile intuire, il corpo centrale dell'edificio sarà costituito da una grande cupola, con alcune semicupole ai lati. Proprio questa conformazione deve aver ingannato il writer "anti Isis".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento