menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Andrea el Gnolo - facebook

Foto Andrea el Gnolo - facebook

Corteo contro l'arrivo dei migranti: vince la diplomazia di Casson

Duecento cittadini per scongiurare l'occupazione di Ca'Pasqua, compattezza e ricorso alle leggi hanno fatto vincere i chioggiotti

A Chioggia si sono riunite poco più di 200 persone, nella mattinata di questo sabato 5 settembre: l'obiettivo era quello di far valere il proprio "no" riguardo l'arrivo di un nuovo gruppo di migranti, che secendo le voci avrebbe dovuto alloggiare presso l'ex base militare di Ca' Pasqua. Il Corteo - organizzato dalla comunita di Ca' Bianca - si è mosso attraverso il centro cittadino dalla Chiesa di San Giacomo fino a piazzetta Vigo, tra i cittadini presenti si è visto anche Alberto Marcato, assessore regionale, cui si sono aggiunte le delegazioni di Cona e Brugnoli. 

Non è stato presente il sindaco di Chioggia, Giuseppe Casson, che tuttavia dalle retrovie è riuscito a raggiungere lo scopo: attraverso una rete di comunicazioni e facendo da ponte tra il Prefetto ed Alfano, il primo cittadino ha ottenuto quando desiderato.

Il perno utilizzato è stato quello dei principi governativi circa le quote di migranti che possono risiedere in una città in rapporto al numero di cittadini: questo rapporto è di 1 migrante su 1000 cittadini. "Mi è stato promesso - queste le parole di Casson - che verranno rispettati i proncipi goverantivi legati alle quote. L'ex caserma non verrà occupata dai migranti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento