menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fingevano di conoscere la vittima: prima abbracciano poi derubano

Cinque colpi in poche settimane e le forze dell'ordine restano confuse: mancano descrizioni dettagliate delle due ladre in azione a Chioggia

E’ già la quinta volta nel giro di poche settimane: hanno colpito ancora, nella mattinata di venerdì 24 luglio, le due ladre divenute ormai famose per i furti di gioielli a Chioggia.

L’ultimo colpo ha visto una collana strappata ad un anziano vicino al lungomare di Sottomarina, la tecnica usata è sempre la stessa: le donne si avvicinano dando confidenza alla vittima, fingendo di conoscerla da tempo. Con la scusa del contatto fisico – un abbraccio, anche se alcune vittime hanno raccontato di avance più dirette – si impossessano dell’oggetto prezioso e prima che il malcapitato del momento si accorga di quanto accaduto sono già sparite. Prima del colpo successivo sembrano aspettare sempre qualche giorno probabilmente per far calmare le acque, ma poi prontamente tornano all'attacco.

Le forze dell’ordine sembra stiano avendo qualche difficoltà a rintracciare le ladre, questo perché chi ha subito il furto raramente è riuscito a fornire una descrizione anche solo minimamente accurata, che potesse riguardare vestiario, carnagione o accento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento