menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il litorale di Sottomarina

Il litorale di Sottomarina

Chioggia, morto Giuseppe Boscolo Chio: "Imprenditore coraggioso"

È scomparso martedì sera all'età di 72 anni dopo un breve ricovero per un malore il titolare dell'Hotel Miramare di Sottomarina. Era molto conosciuto in città

E? scomparso, martedì sera all'eta? di 72 anni, Giuseppe Boscolo Chio, titolare dell'Hotel Miramare di Sottomarina. Lavoratore instancabile, Giuseppe era molto conosciuto in citta? per il suo impegno nel settore alberghiero, portato avanti sin dall'eta? di 20 anni. L'associazione albergatori di Chioggia si stringe nel dolore della famiglia Boscolo Chio, e ricorda con ammirazione la figura di Giuseppe. "Chio ha dimostrato un coraggio imprenditoriale unico - evidenzia Giuliano Cegion, presidente dell'Asa -. Il suo sforzo nel settore alberghiero ha dato la possibilita? di creare tantissimi posti di lavoro e avrebbe meritato dalla Camera di Commercio di Venezia la premiazione del lavoro, del progresso economico e dell'innovazione".

Giuseppe, nato il 22 febbraio 1941, ha portato avanti l'attivita? di famiglia. Suo padre, Gentile Boscolo Chio, apri? infatti il Miramare nel 1961, a seguito delle lottizzazioni del lungomare approvate dalla giunta di Marino Marangon. Precedentemente la famiglia possedeva l'attuale hotel Baviera. Giuseppe, dopo un'esperienza di marinaio a bordo dell'Amerigo Vespucci, che gli ha permesso di girare il mondo toccando, tra i tanti paesi visitati, anche l'America e la Russia, nel 1965 ha preso in mano le redini del Miramare e, da allora, ha sempre continuato a gestirlo senza interruzioni. Fino a pochissimi giorni fa, prima che fosse colto da un malore, Chio continuava ad impegnarsi nella gestione del suo hotel. Negli anni '70 aveva intrapreso un'esperienza politica, scegliendo il partito della Democrazia Cristiana e aiutando tante persone nelle campagne elettorali. Successivamente si era iscritto a Forza Italia. Fu inoltre tra i fondatori dell'Asa.

Quindici giorni fa aveva avuto un malore, per cui si era reso necessario il suo ricovero in ospedale. Le sue condizioni sono peggiorate negli ultimi giorni e, martedì sera verso le 22, e? spirato per arresto cardiocircolatorio. Lascia le figlie Giuliana, Cristina, Federica e cinque nipoti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento