Cronaca

Duro colpo al calzaturiero "cinese" in Riviera del Brenta: chiusi 14 laboratori

I carabinieri di Chioggia, la guardia di finanza di Mirano e l'ispettorato del lavoro hanno controllato 34 sedi produttive. Scoperti 41 lavoratori in nero e un denso muro di omertà

Una realtà borderline, che si caratterizza per omertà e diritti del lavoro violati. Un'operazione congiunta dei carabinieri della compagnia di Chioggia, guardia di finanza di Mirano e ispettorato del lavoro ha portato alla chiusura di quattordici tomaifici e pelletterie. Laboratori gestiti da cittadini di nazionalità cinese con alle dipendenze loro connazionali. I controlli sono stati condotti soprattutto nella Riviera del Brenta e nel Cavarzerese. Pianiga, Campagna Lupia, Fossò, Vigonovo, Cona e Cavarzere. In questi paesi, in luoghi anonimi, con vetri oscurati e spesso con telecamere di sorveglianza per controllare accessi e movimenti delle forze dell'ordine, sorgevano i tomaifici "incriminati", in cui il lavoro nero superava il 20% dei dipendenti. In due casi la totalità degli operai era senza contratto, in altri tre sono stati trovati lavoratori clandestini. Per questo motivo sono scattate le denunce a piede libero per i gestori. In più sono state scoperte 22 posizioni che dovranno essere approfondite dai tecnici dell'ispettorato del lavoro. In tutto sono stati 34 i laboratori passati al setaccio, e 41 i dipendenti in nero scovati dagli inquirenti.

Con la crisi, però, l'organizzazione di questi tomaifici e pelletterie, che si trovano in fondo a una catena di produzione che in alcuni casi arriva a stabilimenti di grandi marche, è cambiata. Almeno in alcuni elementi fondamentali: non esiste più lavoro minorile. Esiste però una sorta di rete sovraregionale che permette di gestire dipendenti cinesi con flessibilità. Alcune ragazze scoperte a lavorare il cuoio, durante la settimana facevano le massaggiatrici nelle Marche. Poi, il weekend, arrivavano in Riviera per prestare i propri servigi. Flessibilità e costi bassi chiede il mercato, e flessibilità e costi bassi offrono questi laboratori. Per la disperazione di molti imprenditori della Riviera attivi nel distretto del tessile e delle calzature. Negli ultimi tempi scesi in strada per chiedere di poter operare in un sistema di mercato equo.

In tutto sono state comminate sanzioni per 112mila euro, oltre a quelle che potrebbero essere individuate dalle fiamme gialle nel proseguio dei controlli. Tra i 14 lavoratori chiusi, però, si è già scatenata una sorta di "corsa alla regoolarizzazione": i gestori colti in fallo, infatti, pagando una multa di 1.500 euro allo Stato e i contributi ai lavoratori in nero, può riaprire subito l'attività. Siccome nella totalità dei casi i dipendenti dichiarano che proprio quello dei controlli "era il primo giorno occupato in quel laboratorio", le strutture possono riprendere subito a produrre. Avendo cura però di passare indenni gli accertamenti successivi di forze dell'ordine e ispettori del lavoro. Il costo c'è, ma anche la possibilità di limitare i danni.


Nei piccoli locali (in un caso in 25 metri quadri lavoravano sette persone) non c'erano pause. Le otto ore non esistevano. Si lavorava giorno e notte. E in caso di controlli, grazie alle telecamere, c'era chi faceva salire tutti al primo piano. In modo da dimostrare che lì il "sistema cinese" non aveva attecchito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Duro colpo al calzaturiero "cinese" in Riviera del Brenta: chiusi 14 laboratori

VeneziaToday è in caricamento