rotate-mobile
Cronaca Mestre Centro

"Soldi per soli 40 giorni", allarme rosso per la sanità privata veneziana

Sotto la scure dei tagli ai trasferimenti regionali i bilanci di Villa Salus e Policlinico San Marco soccombono. Una delle due strutture potrebbe chiudere a breve. Dipende da palazzo Balbi

Quaranta giorni di tempo. Poi i soldi finiranno. E una delle strutture ospedaliere veneziane dovrà chiudere: o Villa Salus o il Policlinico San Marco. A meno di colpi di scena dalla Regione. Questo lo scenario che si sono trovati i consiglieri di Ca' Farsetti in commissione Sanità. Lo stesso direttore generale dell'Ulss 12 Antonio Padoan, presente ieri assieme ai responsabili delle due strutture nell'occhio del ciclone in Comune, si rimette nelle mani di palazzo Balbi: "Tutto dipende dalla Regione", ha affermato.

I tagli ai trasferimenti pubblici agli ospedali veneziani hanno determinato una situazione non più gestibile. Da sei mesi, secondo Mario Bassano, responsabile di Villa Salus, non ci sono più le risorse per pagare fornitori e stipendi. Sono 357 i dipendenti della struttura, più i consulenti. La prospettiva è che se non cambierà nulla ci saranno degli esuberi. Stesso quadro anche per il Policlinico San Marco. Il suo rappresentante ieri in Comune Francesco Camisa: se nel 2013 non verranno ridimensionati i tagli, andare avanti per l'istituto mestrino sarà molto difficile.


Se la maggiore indiziata di chiusura sembra essere Villa Salus, questa situazione ha creato non poco subbuglio tra i sindacati e i dipendenti. La struttura sul Terraglio, conosciuta soprattutto per i reparti di ginecologia e ostetricia, conta 190 posti letto, che finirebbero sotto i colpi di scure della bozza di ristrutturazione del settore in discussione in Regione. "Non potremo far altro che applicare le disposizioni che ci verranno date", ha spiegato in modo asciutto Padoan ai consiglieri. Il personale, se uno dei due ospedali verrà chiuso, verranno comunque assorbiti dall'Ulss 12.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Soldi per soli 40 giorni", allarme rosso per la sanità privata veneziana

VeneziaToday è in caricamento