Chiude il reparto Covid della Rizzola dopo 5 settimane di lavoro e 60 pazienti curati

La casa di cura, a San Donà, lo aveva allestito per ospitare persone ancora positive che avevano superato la fase acuta, provenienti dal covid-hopital di Jesolo o dai pronto soccorso

Calano i contagi e dopo 5 settimane di attività e 60 pazienti curati chiude il reparto Covid della casa di cura Rizzola di San Donà di Piave. La struttura, nel pieno dell'emergenza, era stata scelta dall'Ulss 4 per il trattamento di pazienti non in fase acuta: in 48 ore era stato creato un intero reparto isolato, ricavato da quello di geriatria, destinato ai pazienti in arrivo dall’ospedale di Jesolo o dai pronto soccorso. Un team di 40 persone tra medici, infermieri e oss è stato appositamente formato per gestire la nuova area.

Smantellamento e sanificazione

«Dal punto di vista sanitario è stata un’esperienza nuova, dovendo trovarci ad affrontare una patologia nuova e alla quale non eravamo abituati», ha commentato il direttore sanitario Adriano Cestrone, ricordando anche la «forte e importante collaborazione con la sanità pubblica dell'Ulss 4». Da giovedì 7 maggio il reparto potrà tornare alla sua funzione originaria ospitando i pazienti di medicina geriatrica. In questi giorni, infatti, si sta procedendo alla sanificazione dell'intera area e allo smantellamento del percorso isolato che era stato creato. «Chiudere il reparto Covid e poter tornare alla routine di prima è stata una bella sensazione, perché non è stato un periodo facile - commenta sollevata Marta Boscolo, che in queste settimane ha coordinato il reparto Covid -. Sono state 5 settimane di isolamento totale, per alcuni di noi anche a livello familiare per mettere in sicurezza i cari. È stata una gestione completamente fuori dalla quotidianità del lavoro in reparto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Limitare i contatti

La struttura sanitaria vuole, ad ogni modo, incentivare le nuove prenotazioni in via telefonica o telematica per fissare gli appuntamenti e limitare i contatti e gli spostamenti. «In questa fase, meno contatti ci sono e meglio è per l’interesse di tutti noi - aggiunge il direttore sanitario della struttura -. Quando i pazienti devono venire per la visita, è bene che vengano muniti di mascherina e guanti. Questo è importante, per una questione di prevenzione per sé stessi oltre che di rispetto per gli altri».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento