rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Zelarino / Via Nino Bixio, 2

Quaranta soci del Davis sequestrato giocano a tennis davanti al municipio

I manifestanti, che hanno incontrato l'assessore all'Edilizia Micelli, chiedono che venga concesso un condono per permettere la sistemazione degli impianti non a norma di via Bixio

Una maxipartita con quaranta tennisti per chiedere di poter tornare a giocare negli impianti del circolo Davis di via Nino Bixio a Mestre. La struttura, infatti, è stata sequestrata dai Nas e dall'Ulss in quanto non a norma. Requisiti bar, docce e spogliatoi. Il nocciolo del problema è che il cimitero col passare del tempo si è allargato, arrivando fino a meno di cento metri dai campi. Da 26 anni, infatti, i titolari chiedono a Ca' Farsetti la possibilità di condonare alcuni abusi edilizi per poter poi mettere a norma i servizi. Gli impianti, però, sorgono a meno di cento metri dal camposanto, e secondo la legge in questo caso non sono possibili condoni.

Per spingere il Comune a trovare una soluzione e tornare a breve a giocare nei sei campi dell'impianto, i soci del circolo si sono presentati davanti al municipio e hanno incontrato l'assessore all'Edilizia Ezio Micelli, che ha dichiarato che si starebbe impegnando per trovare una possibile soluzione. Se non arriva un condono, infatti, difficilmente si potrà uscire dall'impasse.


Secondo i proprietari del Davis Club la richiesta di condono sarebbe partita ben prima che la struttura finisse all'interno della fascia di rispetto del cimitero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quaranta soci del Davis sequestrato giocano a tennis davanti al municipio

VeneziaToday è in caricamento