rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Cronaca Vigonovo

In un mese ha imparato la lingua, ora Vigonovo può avere un italiano in più

Ha superato lo "scoglio" della lingua e della pronuncia della formula di rito. Stamattina il 47enne "bocciato" la prima volta dal sindaco di Vigonovo ha ricevuto la cittadinanza italiana

In poco più di un mese è preparatissimo, non solo ha dimostrato di aver imparato a memoria ma anche di saper leggere la formula per avere la cittadinanza italiana dopo che al primo tentativo era stato "bocciato". Protagonista della vicenda che accade a Vigonovo, M.E.M., di origini marocchine ma da 21 anni in Italia, operaio metalmeccanico 47enne con moglie e due figlie tutti perfettamente integrati.

Stamattina, davanti al sindaco della cittadina del veneziano, Damiano Zecchinato (della Lega Nord) è di fatto diventato cittadino italiano. In prima battuta, qualche mese fa, l'iter stato bloccato in extremos perché il candidato non era riuscito a pronunciare la formula di rito. Ciò aveva scatenato una ridda di polemiche, vista l'appartenenza politica del primo cittadino del comune veneziano.

M.E.M., però, non era riuscito neppure a impugnare in modo corretto il foglio con la formula con cui si dichiara fedeltà alla Costituzione. "Tante polemiche a livello locale ma anche nella comunità marocchina - racconta lo stesso Zecchinato - un po' per la brutta figura, ma anche perché le figlie dell'uomo che parlano perfettamente in italiano, avevano deriso il padre".

"In un nulla il candidato, pressoché analfabeta - come racconta Zecchinato -, si è messo sui libri di scuola. Ha imparato a parlare e a leggere l'italiano e oggi ha raggiunto il suo scopo, essere a tutti gli effetti uno di noi". M.E.M., dopo foto e strette di mano di rito, ha chiesto di poter vedere il sindaco già sabato prossimo per poter festeggiare assieme: "Porterò una torta" ha detto il nuovo cittadino. (Ansa)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In un mese ha imparato la lingua, ora Vigonovo può avere un italiano in più

VeneziaToday è in caricamento