menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nucleo Natanti carabinieri Venezia, archivio

Nucleo Natanti carabinieri Venezia, archivio

Tenta di togliersi la vita, carabiniere lo salva

Un giovane cittadino cinese alle prese con le difficoltà dell'emergenza coronavirus

Tenta di togliersi la vita ma un carabiniere del nucleo Natanti di Venezia lo trae in salvo. È accaduto oggi, domenica 17 maggio, durante un normale servizio di vigilanza nel centro storico.

Il gesto

All'altezza della fermata Actv San Marcuola, richiamati dalle urla e dalle richieste di aiuto di alcuni passanti, i militari sono intervenuti per mettere al sicuro un cittadino cinese, di circa trent’anni, che poco prima si era buttato in acqua per togliersi la vita. L’uomo, che si era gettato da fondamenta del Traghetto, non sapendo nuotare e annaspando si è portato al centro del canale e ha cominciato a perdere le forze.

Il ricovero

A nulla sono valsi i tentativi di aiuto messi in atto dal personale del traghetto Actv ormeggiato al vicino imbarcadero che, lanciando dei salvagenti, ha cercato di recuperare l’uomo. Solo l'intervento di uno dei carabinieri, a bordo della motovedetta, ha evitato la tragedia. Il militare, infatti, tuffandosi in acqua, ha recuperato l’uomo e lo ha condotto a bordo del natante con l’aiuto dei suoi colleghi, per poi affidarlo alle cure del personale sanitario del 118 intervenuto sul posto. Le condizioni del ragazzo, in stato di shock e infreddolito, non sono apparse gravi. È stato ricoverato in ospedale. Dai primi accertamenti sembra ci fossero problemi di incomprensione familiare alla base del gesto aggravati dal fatto che il ragazzo, a causa della crisi generata dal coronavirus ha perso il posto di lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento