menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Già condannato a 2 anni e 5 mesi, polizia lo individua libero a litigare per futili motivi

L'uomo, un 38enne di nazionalità tunisina, aveva un ordine di esecuzione della pena attivo a suo carico da dicembre scorso. Scoperto dalle forze dell'ordine a baruffare per un furto d'abiti

Chiedono l’intervento della polizia in piena notte a Venezia, due uomini, rivendicando la proprietà di un indumento, a loro dire sottratto da una terza persona coinvolta in un litigio scoppiato in Campo San Bartolomeo, all'una di venerdì. La volante lagunare interviene sul posto e controlla i documenti d’identità di ciascuno, scoprendo che l’uomo accusato dai 2 che avevano chiamato il 113 è sprovvisto di documenti d’identità personali.

Gli altri, entrambi cittadini di origine marocchina, risultavano in regola. Accompagnato in questura per una più precisa identificazione, si scopriva che a carico dell’uomo, un 38enne cittadino tunisino, risultava essere attivo un ordine di esecuzione della pena emesso a dicembre dello scorso anno, con 2 anni e 5 mesi di reclusione da scontare. L’uomo, arrestato è stato condotto al carcere della città lagunare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento