Spaccio di cocaina tra Pordenone, Udine e Portogruaro: sei misure cautelari

Operazione dei carabinieri conclusa stamattina. Coinvolti italiani e albanesi

Sei misure cautelari e 32 denunce. E' l'esito di una maxi inchiesta dei carabinieri del nucleo investigativo di Pordenone, che hanno indagato 38 persone coinvolte in un traffico di droga tra Friuli e Veneto che contava un giro d'affari da un chilo di cocaina al mese, per un valore di 100mila euro. Una ventina le perquisizioni domiciliari che hanno visto impegnati 70 militari all'alba di lunedì, tra Pordenone, Portogruaro, Latisana e Udine. Delle sei misure cautelari, due sono in carcere, una ai domiciliari e tre obblighi di dimora.

Le indagini sono iniziate un anno fa, quando gli investigatori hanno identificato una serie di persone di nazionalità albanese, sospettate di gestire un mercato di cocaina nel Friuli occidentale. Alcuni di loro, spacciatori già noti in precedenti inchieste, si erano organizzati in modo da attirare l'attenzione delle forze dell'ordine il meno possibile, adottando diverse contromisure. Ma non ci sono riusciti perchè gli uomini dell'Arma, pedinandoli e tenendoli sotto controllo, hanno monitorato tutti i loro movimenti e gli scambi di cocaina, arrivando all'identificazione di 32 persone (per la maggior parte di origini albanesi, con alcuni complici italiani e un magrebino).

I vertici del gruppo si procuravano la cocaina , destinata a clienti della "Pordenone bene", attraverso alcuni connazionali residenti nel Trevigiano e legati ad altre organizzazioni del Bresciano. La droga arrivava dal nord Europa tramite una serie di corrieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento