menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio di cocaina tra Pordenone, Udine e Portogruaro: sei misure cautelari

Operazione dei carabinieri conclusa stamattina. Coinvolti italiani e albanesi

Sei misure cautelari e 32 denunce. E' l'esito di una maxi inchiesta dei carabinieri del nucleo investigativo di Pordenone, che hanno indagato 38 persone coinvolte in un traffico di droga tra Friuli e Veneto che contava un giro d'affari da un chilo di cocaina al mese, per un valore di 100mila euro. Una ventina le perquisizioni domiciliari che hanno visto impegnati 70 militari all'alba di lunedì, tra Pordenone, Portogruaro, Latisana e Udine. Delle sei misure cautelari, due sono in carcere, una ai domiciliari e tre obblighi di dimora.

Le indagini sono iniziate un anno fa, quando gli investigatori hanno identificato una serie di persone di nazionalità albanese, sospettate di gestire un mercato di cocaina nel Friuli occidentale. Alcuni di loro, spacciatori già noti in precedenti inchieste, si erano organizzati in modo da attirare l'attenzione delle forze dell'ordine il meno possibile, adottando diverse contromisure. Ma non ci sono riusciti perchè gli uomini dell'Arma, pedinandoli e tenendoli sotto controllo, hanno monitorato tutti i loro movimenti e gli scambi di cocaina, arrivando all'identificazione di 32 persone (per la maggior parte di origini albanesi, con alcuni complici italiani e un magrebino).

I vertici del gruppo si procuravano la cocaina , destinata a clienti della "Pordenone bene", attraverso alcuni connazionali residenti nel Trevigiano e legati ad altre organizzazioni del Bresciano. La droga arrivava dal nord Europa tramite una serie di corrieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento