menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Domenica ad alta tensione a Venezia: sì al comizio di Forza Nuova ma anche ai no global

Alle 14 davanti alla stazione di Santa Lucia ci sarà Liberi e Uguali: "La città non vuole i fascisti", dichiara il deputato Mognato. Alle 16 toccherà all'estrema destra a San Geremia

Tutto confermato. Alle 14 comizio di Liberi e Uguali, e presidio antifascista dei centri sociali, nel piazzale della stazione di Santa Lucia, alle 16 invece la presentazione dei candidati di Forza Nuova alle elezioni del 4 marzo prossimo. Un incontro con la cittadinanza fissato in campo San Geremia, molto vicino allo scalo ferroviario. Venezia vivrà una domenica ad alta tensione, anche se le forze dell'ordine (un incontro ad hoc c'è stato anche sabato mattina) hanno predisposto delle contromisure per evitare che le due fazioni possano venire a contatto. La maggior parte dei forzanovisti dovrebbero arrivare in autobus e dovrebbero essere fatti imbarcare all'altezza del PalaExpo, come succede per le partite di campionato del Venezia con i tifosi ospiti. In questo modo dovrebbero raggiungere Venezia via acqua. Del resto le dichiarazioni della vigilia non sono state all'insegna del fair-play tra le parti.

Due comizi vicini ma "lontanissimi"

I comizi dei partiti candidati alle elezioni non possono essere vietati, e addirittura non c'è nemmeno l'obbligo di presentare domanda alla questura con 3 giorni d'anticipo. Per questo domenica la città vedrà contrapporsi due schieramenti opposti, con il rischio che possano vedersi scene preoccupanti come quelle recenti di Piacenza e Bologna. I rappresentanti di Liberi e Uguali l'hanno messo in chiaro anche venerdì sera, durante la visita del presidente del Senato (e leader della coalizione) Pietro Grasso: "Il corteo di Forza Nuova non s'ha da fare", è stato scandito durante l'evento del Laguna Palace. 

"Fuori i fascisti dalla città"

Di qui la decisione di indire il comizio, per rendere "palese" l'opposizione alla formazione di estrema destra: "Il corteo è un'offesa alla città, farli sfilare è oltraggioso nei confronti dei martiri di riva dei Sette martiri e del Ghetto, che si trova proprio a due passi da dove Forza Nuova marcerà - dichiara il deputato di LeU, Michele Mognato - Il nostro è un tentativo di fermare questo corteo, la città non li vuole". Davanti alla stazione sarà presente anche la galassia dei centri sociali, dopo una riunione dei collettivi al Rivolta di Marghera nei giorni scorsi: "Fuori i fascisti da Venezia", è stato dichiarato a più riprese.

"Se attaccati ci difenderemo"

I rappresentanti di Forza Nuova non sono indietreggiati di un millimetro, tanto più che domenica pomeriggio potrebbe essere presente anche il loro leader nazionale, Roberto Fiore, che la mattina sarà a Padova: "È mia premura rassicurare i cittadini che da parte di Forza Nuova non vi è alcuna intenzione di turbare la quiete pubblica - aveva dichiarato il coordinatore regionale Andrea Visentin - ma se dovessimo essere attaccati non avremo stavolta nessuna clemenza contro i contestatori e ci difenderemo senza indugi, ritenendo responsabili i contestatori e chi avrá loro permesso l'avvicinamento per eventuali danni causati a cose e persone". 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento