Cronaca

Brugnaro risponde con l'indifferenza a Toscani: "E' un fantasma, sarà dimenticato"

Il sindaco commenta le parole del fotografo, secondo cui chi è andato a votare al referendum "è un mona". Il presidente della Regione, Luca Zaia, posta invece un video di Sammy Basso

"Ha parlato qualcuno che nessuno conosce. Ce lo vogliamo dimenticare". Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, risponde con l'indifferenza alle parole di Oliviero Toscani, che ha bollato come "mona" chi è andato a votare per il referendum per l'autonomia domenica scorsa. "Se lo vedremo passare per la strada diremo di aver visto un fantasma", ha concluso il primo cittadino, che non nomina mai il nome del fotografo.

La polemica

La polemica è nota: RadioPadova l'altro giorno ha contattato Toscani chiedendo cosa pensasse del referendum. "Chi è andato a votare nel referendum in Veneto è la 'minoranza' intellettuale - ha dichiarato - Io non avrei detto niente su quei mona che sono andati a votare. Mi hanno chiesto cosa penso? Che sono dei mona". Il presidente della Regione, Luca Zaia, ha postato invece un video sulla propria pagina Facebook in cui Sammy Basso, affetto da sindrome dell'invecchiamento, e il suo amico Alberto, a causa di una patologia impossibilitato a parlare, hanno risposto per le rime con dei cartelli al fotografo: "Mai spuar nel piato che te magni, fieri di essere veneti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brugnaro risponde con l'indifferenza a Toscani: "E' un fantasma, sarà dimenticato"

VeneziaToday è in caricamento