menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La denuncia Ulss 10: 50% dei ritiri per guida in stato di ebbrezza

Alla commissione patenti in ogni seduta più della metà delle valutazioni riguarda il ritiro per tasso alcolemico elevato. "C'è ancora molto da lavorare"

Verrebbe quasi da dar ragione al fotografo Oliviero Toscani, che nei giorni scorsi ha definito i veneti "popolo di ubriaconi": ma, boutade a parte, a osservare i dati diffusi dalla commissione patenti dell'Ulss 10 c'è poco da star sereni. L'equipe di medici si riunisce due volte al mese a San Donà, per visitare le persone rimaste senza patente e deciderne l'idoneità a ottenerla nuovamente: nel 50 % dei casi, spiega l'azienda sanitaria, si tratta di automobilisti a cui il documento è stato ritirato per guida in stato di ebbrezza.

La commissione ha iniziato ad operare a San Donà nell'ottobre 2013, nei locali del dipartimento di prevenzione in via Trento, per garantire le visite ai residenti nei 20 comuni dell'Ulss del Veneto orientale: se ne presentano circa 80 a seduta. Dei casi analizzati, in particolare, più della metà riguarda valutazioni di idoneità per persone colte alla guida con valori alcolici oltre i imiti consentiti dalla legge.

"Questo conferma che c’è ancora molto da lavorare sul fronte della prevenzione per la guida in stato di ebbrezza - commenta il direttore dell'azienda Carlo Bramezza -. Tuttavia vedo con grande soddisfazione che la commissione patenti a San Donà di Piave funziona a pieno regime ed è molto apprezzata. È un servizio che elimina non pochi disagi e costi per chi, in precedenza, doveva recarsi a Mestre".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento