Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La fanfara della polizia sugli scalini di Santa Lucia: da Mameli a Occidentali's Karma VD

Concerto della banda del Corpo davanti alla stazione ferroviaria di Venezia in occasione dei 110 anni dalla fondazione della polizia ferroviaria

 

Non solo l'inno di Mameli nel repertorio della fanfara, che ha spaziato da brani e marce decisamente retro alla canzone che ha vinto l'ultimo festival di Sanremo. In tanti hanno assistito all'esibizione, chi sorpreso di trovarsi all'improvviso di fronte un concerto del genere sui gradini della stazione, chi invece giunto apposta per assistere a un evento che non viene organizzato tutti i giorni.

Anniversario della fondazione della polfer


Nata il 24 giugno 1907, con provvedimento del Ministro dell’Interno Giolitti, come organo di Pubblica Sicurezza deputato alla prevenzione e repressione dei reati in ambito ferroviario, la Polizia ferroviaria è presente nelle stazioni, lungo linea e a bordo dei treni per garantire la sicurezza di tutti coloro che si muovono in ambito ferroviario, del personale viaggiante, delle merci e delle strutture.

Presente la presidente del Consiglio

“Nella storia d’Europa la diffusione della rete ferroviaria – ha sottolineato la presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano - ha rappresentato il mezzo che più ha consentito di avviare processi di unità, permettendo scambio di beni e movimento di uomini. Rendendo possibile quell’intreccio di relazioni che dapprima hanno generato la coscienza di appartenere a uno stesso Paese negli italiani che da poco vivevano in uno Stato unitario. E in seguito ha posto le basi per la successiva unità europea che è nostro desiderio sempre più consolidare. In questo lungo processo di trasformazione culturale, sociale ed economica che la diffusione del trasporto su rotaia ha consentito, la Polizia Ferroviaria ha sempre saputo stare al passo con i tempi e rispondere alle esigenze di sicurezza e legalità che la situazione richiedeva”.

Sempre maggiore impegno della polfer

La presidente Damiano ha quindi ricordato il processo di modernizzazione che ha interessato negli ultimi anni le Ferrovie: il salto tecnologico, gli investimenti in termini di sicurezza, la creazione delle linee ad alta velocità con oltre 16.000 Km di linea ferrata e 2.500 stazioni. “L’aumento esponenziale del numero dei viaggiatori – ha sottolineato - ha comportato un sempre maggiore impegno da parte della Polfer, chiamata a vigilare affinché movimenti di uomini e merci abbiano a svolgersi nella sicurezza. Non solo garantendo la presenza delle forze di polizia sui mezzi, ma anche presidiando le stazioni diventate hub della mobilità urbana, centri di aggregazione umana per la presenza di grandi realtà commerciali. E’ con questa crescita che la Polizia Ferroviaria si sta confrontando negli ultimi anni, operando ogni giorno tra la gente e per la gente, come anche è accaduto con la grande prova di evacuazione che ha interessato la stazione di Santa Lucia lo scorso 3 ottobre. Solo una Polizia che sia preparata ad affrontare le varie sfide e le minacce che al nostro vivere civile da più parti provengono potrà garantire anche nella nostra città quelle condizioni di sicurezza necessarie per il suo sviluppo sociale, culturale ed economico. Come Amministrazione di questa Città è nostro desiderio far sentire la grande vicinanza alla Polizia Ferroviaria ed esprimere la profonda gratitudine di Venezia tutta per il suo meritorio operato”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento