rotate-mobile
Cronaca

Lesioni con aggravante razziale, maxi condanna a due leghisti

Due militanti bergamaschi durante il Padania Day del 2008 picchiarono due camerieri stranieri del centro storico apostrofandoli pesantemente

Condanne pesanti per due militanti bergamaschi della Lega Nord dopo l'aggressione avvenuta durante il "Padania Day" del 2008 ai danni di due camerieri di un ristorante del centro storico. Come riportano i quotidiani locali, all'inizio gli imputati erano quattro, ma gli altri due hanno scelto riti alternativi.

L'accusa era di lesioni volontarie con l'aggravante dell'odio razziale e di danneggiamento. Il giudice ha sostanzialmente accolto le richieste del pubblico ministero, condannando a due anni e tre mesi di reclusione F.V., 34enne, e a due anni G.F., 51enne. I fatti si svolsero il 13 settembre 2009, quando, come ricostruito dagli inquirenti, due dei quattro militanti, passando di fronte al locale la mattina presto, avevano "approcciato" due turiste americane sedute a un tavolo.

Un cameriere di nazionalità albanese era intervenuto per farli smettere. Dopo qualche ora, invece, nel pomeriggio, i quattro sarebbero tornati aggredendo due camerieri (l'albanese e uno di nazionalità marocchina) usando epiteti a sfondo razziale e usando anche un bastone. I quattro danneggiarono anche il locale. Ora dovranno pagare anche i danni, ma sarà il tribunale civile a decidere l'importo del risarcimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lesioni con aggravante razziale, maxi condanna a due leghisti

VeneziaToday è in caricamento