menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fine corsa per il "pilota" dell'Audi Gialla: arriva la condanna a 30 mesi di carcere

Il 36enne, albanese, era uno dei componenti del trio che terrorizzò il Nordest con le sue scorribande a bordo del bolide targato Svizzera. Venne arrestato al confine con la Grecia

Per settimane nell'inverno 2016 seminò il panico lungo le autostrade del Nordest con una Audi gialla rubata, velocissima e imprendibile. Oggi per V.R., 36 anni, albanese, pilota di quel bolide che faceva sfrecciare a 260 chilometri orari, con manovre pericolosissime in contromano, è arrivato il conto della giustizia: 2 anni e sei mesi di carcere, sentenza emessa dal giudice del Tribunale di Venezia Alberto Ciampaglia. 

V.R., che al di là della condotta penale - era accusato di furto aggravato, resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione - aveva dimostrato in quelle scorribande qualità di guida non comuni, è già detenuto in carcere, dove sta scontando la misura cautelare inflittagli dopo l'arresto, avvenuto in Grecia ad opera dei carabinieri e della polizia ellenica nel settembre 2016. Gli altri due componenti della banda dell'Audi RS4 gialla (data alle fiamme al termine di una estenuante caccia e sospettata di furti e rapine nel Nordest), sono tuttora irreperibili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento