Condannati i due carabinieri che rapinarono un supermercato e uccisero un uomo

Il fatto è avvenuto un anno fa ad Ottaviano. I due ex carabinieri in forze al Battaglione Carabinieri di Mestre sono stati ora condannati all'ergastolo

Il fatto è avvenuto lo scorso anno quando due ex carabinieri in servizio al Battaglione Carabinieri di Mestre fecero irruzione in un esercizio commerciale nel Napoletano. La rapina a mano armata però sfociò nella tragedia quando, dopo un inseguimento con relativa sparatoria, il bilancio finale fu di un morto e nove feriti.

Ora il Tribunale di Nola ha inflitto l'ergastolo a Jacopo Nicchetto e Claudio Vitale, un chioggiotto ed un napoletano rispettivamente di 34 e 41 anni. Il gup del Tribunale, come riporta La Nuova Venezia, ha ricostruito l'intera vicenda partendo dalle indagini che proprio i carabinieri avevano effettuato. L'Arma inoltre, nel processo, si era costituita come parte civile.

Il fatto quindi, avvenne il 25 marzo scorso, quando Nicchetto e Vitale entrarono in un supermercato di Ottaviano armi in pugno. I dipendenti dell'esercizio commerciale però, riuscirono a dare l'allarme. Sul posto si diresse immediatamente una pattuglia delle forze dell'ordine che iniziò ad inseguire i due malviventi. Ne nacque un conflitto a fuoco in cui perse la vita il figlio del titolare del supermercato, uno dei primi a mettersi all'inseguimento dei banditi. Altre nove persone rimasero ferite nella sparatoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volta arrestati ed identificati, i due malviventi risultarono essere in forze al quarto battaglione dei carabinieri di Mestre. Nel giorno in cui non erano in servizio quindi, avrebbero ben pensato d'andare a rapinare un supermercato. I due sarebbero stati subito sospesi dall'Arma ed ora per loro è scattata la condanna più pesante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

Torna su
VeneziaToday è in caricamento