Condannato per rapina aggravata e porto d'armi, finisce in carcere

L'uomo, un 35enne residente a Prato, dovrà scontare quasi 5 anni. È stato individuato e portato a Santa Maria Maggiore dai carabinieri di Cavallino Treporti

Era stato condannato ad una pena di 4 anni e 10 mesi da scontare in carcere per una lunga serie di reati commessi a Prato tra il 2008 e il 2012: rapine aggravate, lesioni e porto abusivo d'armi. Nel pomeriggio di ieri, i carabinieri della stazione di Cavallino-Treporti hanno identificato e portato in carcere il 35enne F.S., albanese già gravato da precedenti penali, residente a Prato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Portato in carcere

La detenzione in carcere era stata disposta dall'ufficio esecuzioni penali della procura di Prato, a seguito di più condanne divenute definitive. Dopo le formalità di rito, quindi, per l'uomo si sono aperte le porte di Santa Maria Maggiore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento