Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Cona, venti giorni di condanna all'ex prefetto

Boffi avrebbe preannunciato alla cooperativa che aveva in gestione l'hub migranti un'ispezione per il giorno successivo. Assolto invece dall'accusa di aver raccontato il falso alla commissione parlamentare

Profughi a Cona (foto d'archivio)

Venti giorni per "rivelazione di segreto d'ufficio". Come riportano i quotidiani locali, è questa la pena a cui è stato condannato Carlo Boffi, prefetto di Venezia da gennaio 2017 a giugno 2019, perché il 22 marzo 2017 avrebbe inviato una mail alla cooperativa che gestiva il campo profughi di Cona preannunciando la visita del giorno dopo dell'Unhcr, l'agenzia Onu per i rifugiati. Il giudice lo ha invece assolto dall'accusa di aver raccontato il falso alla commissione parlamentare, quando affermò che le visite al centro erano state fatte senza alcun preavviso.

Vito Cusumano, all'epoca vice di Boffi a Ca' Corner, è invece stato rinviato a giudizio. Nel corso del processo che inizierà il prossimo 18 marzo, dovrà risponde di aver preannunciato più volte alla coop gli imminenti controlli nell'hub veneziano. Per lo stesso reato sono imputati anche Domenico Cuttaia, prefetto di Venezia dal 2012 al 2016, e il dirigente dell'area immigrazione del tempo, Paola Spatuzza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cona, venti giorni di condanna all'ex prefetto

VeneziaToday è in caricamento