menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Condizioni disumane", e i poliziotti pagano da sé il pasto ai profughi

Giovedì mattina i rappresentanti del Coisp hanno deciso di mettere mano al portafoglio, acquistando anche dei calzini: "Così non c'è più dignità"

"Alla fine sono stati i poliziotti a mettere mano al portafoglio, acquistando tutti i generi alimentari possibili all'interno della sede della questura di Marghera. Sono stati anche presi dei calzini per i bambini". E' ciò che è accaduto giovedì mattina in corrispondenza del parcheggio della Metro di Marghera. Nella notte l'arrivo di oltre cento migranti nel solito luogo di smistamento.

Da lì, infatti, i vari autobus poi partono alla volta delle varie questure venete per poi raggiungere i centri di accoglienza. Scene che si ripetono giorno dopo giorno, ma che stavolta hanno indotto il sindacato di polizia Coisp a manifestare tutta la propria indignazione: "Alle tre di stanotte sono arrivati all'area della Metro oltre cento profughi - dichiara il sindacato - Siamo indignati e impotenti di fronte a scene del genere".

I rappresentanti degli agenti puntano il dito contro quei bambini e quelle donne che "non avevano con loro nemmeno il minimo indispensabile, addirittura alcuni bimbi erano sprovvisti dei calzini". Il tutto di fronte a un'attesa che si sarebbe protratta per sette ore, fino alle 10 di mattina. "Diciamo basta a queste vergognose scene ce sia loro che noi siamo costretti a subire - continua il Coisp - L'indignazione dei poliziotti è pari all'impotenza che vivono nel fare questi servizi. Ci sono persone costrette a urinare in strada solo perché non si è pensato prima di portarli nei centri di accoglienza e poi di identificarli".

I poliziotti quindi chiedono al prefetto Cuttaia di invertire i passaggi, in modo da evitare le scene che li hanno fatti infuriare giovedì mattina. "Solo l'umanità del personale di servizio ha evitato almeno ai bambini di dover stare a stomaco vuoto - conclude il Coisp - i poliziotti hanno messo mano al portafoglio comprando, nelle macchinette della questura, tutti i cibi possibili oltre ad acquistare dei calzini per evitare ai bambini di rimanere senza. Chiediamo che la Prefettura si faccia carico di organizzare al meglio l'arrivo dei migranti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Attualità

Federica Pellegrini stasera al Festival di Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento