Confartigianato: «Non solo Mose, turismo sostenibile e interventi diffusi per Venezia»

Ieri l'incontro con il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà

«Finire il Mose al più presto per capire se veramente può funzionare, non proseguire nella miope scelta di destinare tutte le risorse a questa opera ma riprendere gli interventi diffusi di messa in sicurezza della Città storica e, dopo la mareggiata che il 12 novembre ha messo in ginocchio Venezia, iniziare a pensare come arginare la marea quotidiana di turisti che sta pesantemente cancellando l’identità del centro sttorico». Questi i tre interventi emergenziali che ieri i vertici della Confartigianato hanno chiesto di mettere in cima all’agenda politica del governo per gestire l’emergenza Venezia.

Incontro col ministro D'Incà

L’occasione è stato il vertice con il ministro per i Rapporti con il Parlamento, il bellunese Federico D’Incà, che ha voluto incontrare i rappresentanti di una delle categorie economiche più duramente flagellate dagli eventi di questi giorni. A focalizzare i tre punti fondamentali è stato il segretario della Confartigianato Gianni De Checchi, che ha parlato al ministro e il suo staff in rappresentanza della delegazione composta dal presidente della Confartigianato Venezia Lio Andrea Bertoldini, il presidente della Confartigianato Metropolitana Città di Venezia Salvatore Mazzocca e il direttore della Confartigianato Veneto Francesco Giacomin. «Nonostante le perplessità generali sulla grande opera - ha spiegato De Checchi al ministro - a questo punto va conclusa al più presto, almeno per capire se realmente possa funzionare, finanziando parallelamente anche i microinterventi che faceva Insula, come lo scavo dei rii, la messa in sicurezza dei sottoservizi e l’innalzamento delle fondamenta, che rimangono fondamentali per fronteggiare e gestire al meglio qualsiasi acqua alta».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Quando i danni dell’apocalisse d’acqua che si è riversata su Venezia saranno mitigati rimane però altrettanto fondamentale - ha puntualizzato De Checchi al ministro - intervenire sui danni che da decenni sta causando la marea insostenibile di turisti che quotidianamente la invade. Anche i danni creati da questo fenomeno sono ingentissimi, e hanno trasformato la città in un non luogo, facendo sparire le attività tipiche, spopolandola dai residenti e rendendola al limite dell’invivibile ai sempre meno veneziani rimasti. Mi auspico - ha quindi concluso - che il grido di disperazione lanciato dalla città in seguito a questo drammatico evento non resti inascoltato dalla politica e si pongano finalmente le basi per salvarla e ridare futuro e dignità a una città patrimonio mondiale dell’umanità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

  • Incidente tra mezzi pesanti in A4, due persone ferite

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento