rotate-mobile
Cronaca San Donà di Piave

Omicidio Lovisetto, confermata la pena per Maritan, 200mila euro ai figli della vittima

La Corte d'Appello si è pronunciata mercoledì pomeriggio, confermando 14 anni e 4 mesi

La Corte d'Appello di Venezia ha confermato la condanna a 14 anni e quattro mesi di reclusione nei confronti di Silvano Maritan, ex braccio destro del boss della Mala del Brenta Felice Maniero accusato dell'omicidio di Alessandro Lovisetto, avvenuto a novembre del 2016 in piazza Indipendenza a San Donà di Piave. La sentenza della Corte d'Assise d'Appello dera stata impugnata dallo stesso Maritan, dalle parti civili e dalla procura. 

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, quel giorno Maritan e Lovisetto cominciarono a litigare e la vittima fu colpita al collo con un coltello. Lovisetto si trascinò per alcuni metri e poi crollò a terra, mentre l'ex boss della Mala venne arrestato poco dopo nelle vicinanze dai militari. MAritan, nel corso del processo, ha sempre dichiarato di essere stato aggredito da Lovisetto e di essersi difeso, ma non è bastato a convincere i giudici. 

La procura aveva chiesto una condanna a 24 anni e l'avvocato di parte civile un risarcimento di 500mila euro per ciascuno dei tre figli di Lovisetto. I giudici della Corte d'Assise d'Appello avevano disposto una cifra più bassa, pari a 100mila euro per ognuno. La provvisionale è stata rideterminata in Appello in 200mila euro per ciascuno dei figli. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Lovisetto, confermata la pena per Maritan, 200mila euro ai figli della vittima

VeneziaToday è in caricamento