Cento nuovi contagi Covid in Veneto orientale: ecco dove sono

La situazione dal 20 agosto al 5 settembre. Due i principali focolai. Più giovani le persone colpite

Operatori sanitari

I contagi da Covid 19 nel Veneto orientale sono in crescita, secondo l'Ulss4, e in linea con il trend nazionale. Dal 20 agosto al 5 settembre sono infatti 100 i nuovi positivi di cui, ad oggi, 10 negativizzati. Questi i casi suddivisi per ambito comunale: Annone Veneto 7; Carole 2; Cavallino Treporti 1; Ceggia 2; Cinto Caomaggiore 3; Concordia Sagittaria 2; Eraclea 2; Fossalta di Piave 20; Fossalta di Portogruaro 2; Jesolo 11; Meolo 6; Musile di Piave 2; Noventa di Piave 2; Portogruaro 7; Pramaggiore 1; San Donà 24; San Michele al Tagliamento 4; San Stino di Livenza 2.  I negativizzati sono: 2 a Cinto Caomaggiore; 1 a Fossalta di Piave; 1 a Fossalta di Portogruaro; 1 a Jesolo; 1 a Musile di Piave; 4 a San Donà di Piave.

Il maggior numero dei contagi è riconducibile a 2 focolai, emersi a San Donà di Piave e a Fossalta di Piave. L'ultimo, ha avuto origine da un funerale celebrato nella provincia di Treviso a cui hanno partecipato varie persone di etnia senegalese che nei giorni seguenti l'evento hanno generato complessivamente 16 contagi in questo territorio. A San Donà il focolaio ha avuto origine da una gita turistica in autobus cui hanno partecipato adulti e anziani. In questo caso sono state 14 le persone della comitiva risultate positive al tampone. I dati forniti dal dipartimento di prevenzione dell'Ulss 4 evidenziano inoltre che tra i 100 contagiati circa il 16% è costituito da persone di rientro dall'estero e dalla Sardegna, il 60% coinvolge persone che appartengono ai citati focolai e a micro focolai familiari, i restanti contagi emergono nell'ambito della sorveglianza attiva in quanto contatti diretti di soggetti risultati positivi.

L'età dei contagiati si è abbassata rispetto al periodo precedente e corrispondente al lockdown, la maggior parte sono persone colpite sono d’età compresa tra 50 e 60 anni e di età inferiore, tra cui 5 bambini sotto i 10 anni e 14 giovani in età compresa tra 11 e 20 anni. In generale la maggioranza è asintomatica anche se in qualche caso è stato necessario il ricovero ospedaliero per complicazioni respiratorie. Il personale dell'Ulss 4 ha svolto un intenso il lavoro di screening, mediante test sierologici e tamponi, durante tutta l'estate, fine settimana inclusi. I soli turisti rientrati da paesi esteri con obbligo di sottoporsi a tampone (Croazia, Spagna, Grecia, Malta, sud della Francia) sono stati 1555 negli appositi ambulatori attivati a San Donà, Portogruaro e Jesolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Elezioni 2020, a Portogruaro sarà ballottaggio tra Santandrea e Favero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento