rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Ulss 3, i contagi preoccupano: la media è di 500 al giorno. Superati i 1000 vaccini

Ogni giorno entrano in ospedale tra 27 e 29 pazienti covid. Simile il numero di chi invece lascia i reparti. Continua spedita la campagna di vaccinazione negli ospedali e nelle Rsa

La fine del 2020 e i primi due giorni del nuovo anno non hanno fatto registrare una tendenza rassicurante in temini di nuovi contagi da coronavirus. Guardando ai dati forniti questa mattina dal direttore generale di Ulss 3 Giuseppe Dal Ben, infatti, nell'ultima settimana i nuovi casi nel territorio dell'azienda viaggiano su una media di 500 al giorno, con il picco più alto il 31 dicembre (574), seguito da 544 il 1° gennaio e 532 il 28 dicembre. Ad oggi, i positivi sono 8910, per un totale di 30mila da inizio anno, con 14.823 persone guarite e 943 decessi.

Ulss 3, ogni giorno 500 nuovi positivi

«Sono stati giorni davvero impegnativi. - ha detto Dal Ben - Le positività sono tante e ricordo ancora una volta che a positività corrispondono ricoveri in area non critica e in terapia intensiva. Si tratta di un record, quello degli ultimi giorni, che speriamo non si ripeta. Ora staremo a vedere l'effetto di queste giornate di fine anno, che sono passate tra misure di restrizioni, ma che nonostante tutto hanno visto persone muoversi e incontrarsi tra loro».

Guardando ai dati dell'ultimo bollettino di Aziend Zero, attualmente ci sono 436 persone ricoverate negli ospedali dell'Ulss 3, 34 delle quali in terapia intensiva. Un dato che dà qualche speranza in più a breve termine rispetto a quello dei nuovi positivi: «I ricoveri hanno un andamento a denti di sega. - ha sottolineato il dg - In questi giorni c'è un minimo calo dei pazienti, però sono dati che non sono assolutamente stabili. La tendenza sembra comunque in discesa».

Il punto su case di riposo e scuole

Come al solito, osservate speciali sono le case di riposo e le scuole. Le prime vedono un calo di positivi rispetto a due settimane fa, con 196 positivi rispetto ai 248 del 13 dicembre (quando è stato registrato il picco massimo), mentre per le scuole bisognerà attendere il 7 gennaio, quando ricominceranno le lezioni in presenza al 50%, e i successivi quindici giorni, per avere un quadro chiaro. Sta di fatto che ad oggi ci sono 30 casi di positività nelle classi (1187 in totale da inizio anno scolastico), 27 sono gli alunni e 10 i docenti. Le positività da inizio anno hanno generato 7365 quarantene, che al 2 gennaio si sono ridotte a 301. «Questa mattina, - ha sottolineato Dal Ben - dopo molto tempo abbiamo registrato zero nuovi casi positività nelle scuole».

Raggiunta quota 1000 vaccini

Nel frattempo la campagna di vaccinazione anti-covid è continuata secondo tabella: dopo il vax-day del 27 dicembre, con 110 operatori sottoposti a vaccino, entro il 13 gennaio dovrebbero essere vaccinati tutti gli operatori sanitari dei presidi ospedalieri e ospiti e operatori delle case di riposo. «Ad oggi abbiamo effettuati 1000 vaccini, - ha aggiunto il dg di Ulss 3 - e la vaccinazione continua giorno per giorno». Dal Ben ha quindi lanciato un appello: «Il vaccino ci permette di passare da una situazione di difesa a quella di attacco al virus. - ha spiegato - L'invito forte è quello di cogliere l'occasione man mano che viene offerta alla popolazione di vaccinarsi. Non possiamo perdere questa occasione importante di aggredire il virus».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ulss 3, i contagi preoccupano: la media è di 500 al giorno. Superati i 1000 vaccini

VeneziaToday è in caricamento