menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Aeroporto Venezia, archivio

Aeroporto Venezia, archivio

Contatti diplomatici in corso per riportare a casa Denis Marin

L'operatore di Campolongo Maggiore da gennaio si trova a Erbil nel Kurdistan iracheno assieme a 12 connazionali. Borchia: «Contiamo di approfittare della finestra del 5 maggio»

C'è attesa per il rientro in Italia di Denis Marin di Campolongo Maggiore, che da gennaio si trova a Erbil, città curda dell'Iraq, capoluogo del governatorato di Erbil e della regione del Kurdistan iracheno. Da gennaio si trova lì insieme ad altri 12 operatori italiani del settore della cantieristica, partiti per lavoro e mai più potuti rientrare con l'inizio a febbraio dell'emergenza coronavirus.

Il volo

Intensi nelle ultime ore i contatti con l'ambasciata irachena dell'europarlamentare Paolo Borchia che si sta occupando del caso. Martedì 5 maggio è in programma un volo della compagnia Qatar Airways su Doha, la capitale. L'organo diplomatico di Baghdad ha contattato oggi, domenica 3 maggio, i responsabili del vari paesi di provenienza dei cittadini interessati a imbarcarsi per sapere di quante persone si tratta. Sono 200 i cittadini statunitensi che hanno manifestato la volontà di imbarcarsi, più i 13 connazionali.

L'attesa

Resta da sapere se la capienza del velivolo a disposizione è idonea, tenendo conto delle distanze di sicurezza imposte dal protocollo sanitario, e se la Qatar Airways possa eventualmente metterne a disposizione uno più grande, se necessario. In caso di risposta affermativa potrebbe finire presto l'odissea dei concittadini. Da Doha, capitale del Quatar, gli italiani dovrebbero poter reperire un volo commerciale per Roma. Le prossime ore, fa sapere Borchia, saranno decisive.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento