menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non si fermano le borseggiatrici incinte, due denunce alla stazione

Giovedì mattina è stata derubata una turista asiatica. Gli agenti della polfer hanno assistito al furto e sono riusciti a bloccare le nomadi

Continuano a imperversare nell'area della stazione ferroviaria di Venezia Santa Lucia le bande delle borseggiatrici incinte. Anche giovedì, infatti, due di loro sono state denunciate a piede libero dopo essere state sorprese a rubare un portafoglio a una turista orientale con le mani occupate a trascinare due trolley e, a tracolla, una borsetta aperta.

Una manna per le ladruncole, viste arrivare dagli uomini della polizia ferroviaria in gruppo da piazzale Roma. Erano in cinque: quattro si sono divise in coppie avvicinando i turisti in coda per il vaporetto nel piazzale dello scalo dei treni, una continuava a gironzolare con il cellulare sempre in mano facendo da "palo". E' stata lei ad avvisare con un cenno le complici, tre delle quali in stato interessante, in piena azione.

A quel punto le coppie si sono allontanate, cercando in questo modo di mettere i bastoni tra le ruote alle forze dell'ordine. Dopodiché sono tornate al lavoro: una coppia di borseggiatrici ha puntato il gruppo di asiatici alle prese con dei bagagli molto voluminosi. Una delle due, 32enne di origini croate (come tutte le altre del resto) e dimorante in un campo nomadi nella zona di Milano, si è quindi coperta entrambe le mani con uno scialle e ha sfilato il portafoglio alla turista, senza che quest'ultima si accorgesse di nulla. A furto perpetrato, al pari della complice, una 33enne nata a Sarajevo e proveniente sempre da un campo nomadi di Milano, si è appartata cambiandosi la maglietta e indossando un paio di vistosi occhiali da sole, in modo da non essere individuata.

Non prima naturalmente di intascarsi carte di credito, 120 euro e 500 franchi svizzeri contenuti nel portafoglio, lanciato in fretta e furia su un'aiuola. Alla fine sono intervenuti gli agenti della polfer, che hanno restituito la refurtiva alla legittima proprietaria e hanno denunciato le ladruncole (con diversi precedenti simili), visto anche il loro stato interessante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento