menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Strade della droga al setaccio della polizia: un pusher denunciato, maxi sequestri VIDEO

Nel mirino via Trento, via Monte San Michele e il parco Bissuola. Nell'area verde requisiti circa 200 grammi di marijuana. Nel quartiere Piave, invece, bloccato un sospetto pusher

A giudicare dal numero di mezzi intervenuti si è trattata di controlli in grande stile. Strade dello spaccio mestrine al setaccio martedì sera da parte della polizia. Alle operazioni hanno partecipato gli uomini del commissariato di via Ca' Rossa, oltre che del reparto Volanti e del reparto prevenzione crimine di Padova. Nel mirino i luoghi caldi in fatto di cessione di stupefacenti, come via Monte San Michele, a due passi della stazione ferroviaria, via Trento e il parco Bissuola. Al termine degli accertamenti sono stati eseguiti diversi sequestri di droga. Un sospetto pusher è stato denunciato perché sorpreso in possesso di sostanze illecite. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aiuto fondamentale è stato quello dell'unità cinofila "Zeus" del reparto specializzato della questura di Padova. Il fiuto infallibile del cane ha permesso di scovare nascoste tra i cespugli del parco Albanese alcune dosi di droga. Requisiti sei involucri di marijuana, l'equivalente di 2 etti di stupefacente.

droga ok-6

Nel quartiere Piave, invece, Zeus ha permesso di bloccare il cittadino nigeriano poi denunciato. Aveva con sé, oltre ad alcune dosi di droga, anche circa 400 ruto in contanti. Con ogni probabilità provento di spaccio. Gli sarà revocato il permesso di soggiorno. In totale sono state controllate una settantina di persone. 

"Come comitato premiamo per l'ottenimento il prima possibile del daspo urbano per gli spacciatori - commenta il presidente del comitato Marco Polo, Luigi Corò - dispositivo previsto dal ministro degli Interni Minniti che già avevamo proposto in precedenza". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento