Controlli contro gli ambulanti, multe a chi "sfora" la metratura

I vigili hanno passato al setaccio le bancarelle a San Marco metro alla mano, sanzionando chi non rispettava le misure previste dalle autorizzazioni

Inizia il giro di vite per gli ambulanti veneziani, ma ad essere controllati non saranno solo, come qualcuno forse sperava, per gli abusivi. Proprio martedì mattina, infatti, un blitz della polizia municipale ha interessato le bancarelle di piazza San marco, controllando metrature e permessi.

PUGNO DI FERRO – Da mesi il sindaco Giorgio Orsoni annuncia la linea dura contro le irregolarità nel centro storico, oggi le promesse del primo cittadino sono divenute realtà. Armati di metro a nastro i vigili veneziani hanno controllato tutti i banchi che vendono souvenir tra la piazza, riva degli Schiavoni e di fronte ai giardinetti Reali. In totale sono stati mobilitati dieci agenti, divisi in due squadre. Le verifiche hanno tenuto conto di ogni tipo di appendiabiti o prolunga che portassero le bancarelle oltre alla metratura registrata nelle autorizzazioni rilasciate dal Comune. Numerose le irregolarità e, di conseguenza, le multe per i commercianti, colpevoli di essere andati oltre al limite consentito senza pagare l'imposta (Cosap) per il commercio sul suolo pubblico. I controlli, annunciati dal sindaco già nel consiglio comunale di lunedì, proseguiranno nei prossimi giorni in tutti i sestieri di Venezia, con particolare attenzione anche per i banchi delle aree mercatali e i plateatici che si allargano aggiungendo tavolini e sedie oltre i metri concessi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Due casi di overdose in poche ore a Mestre, morto un 24enne

  • Tour fotografico nella ex Sirma, fabbrica abbandonata a Porto Marghera

  • Un bambino sparito dopo scuola è stato ritrovato dopo ore di ricerche

  • Il sindaco Brugnaro risponde alle polemiche di Celentano: «L'ho invitato qui»

  • Trovato il corpo senza vita di Paolo Tramontini

Torna su
VeneziaToday è in caricamento