menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Iniziata la stagione della caccia, tredici le sanzioni comminate

Con l'apertura della nuova stagione venatoria sono cominciati anche i controlli: alcuni cacciatori sono risultati fuori legge e sono incappati in sanzioni e sequetri sia di animali che di cartucce

Domenica è stata ufficialmente aperta la stagione venatoria su tutto il territorio nazionale come da tradizione consolidata; un appuntamento che ha riguardato i circa 4 mila 500 cacciatori residenti in provincia di Venezia. Il vice presidente e assessore alla Caccia della Provincia di Venezia Mario Dalla Tor anche quest’anno ha seguito personalmente l’andamento regolare della prima giornata di caccia, e ha colto l’occasione per incontrare, con il comandante della Polizia provinciale Alessio Bui, i responsabili degli ATC gli ambiti territoriali di caccia n.2 (San Donà) e n. 4 (Cavarzere, Chioggia, Cona), rispettivamente a Eraclea, Cavarzere e Chioggia. Nei prossimi giorni organizzerà altri incontri anche con i responsabili degli altri tre ATC in cui è divisa la provincia di Venezia.


CONTROLLI E SANZIONI. Anche quest’anno i controlli sono stati affidati alla polizia provinciale e al corpo forestale dello Stato affinché tutto si svolgesse senza incidenti tra cacciatori e disagi alla cittadinanza. Nonostante le limitazioni alla dotazione organica del corpo provinciale (meno 6 unità negli ultimi cinque anni per blocco delle assunzioni e del turnover) la polizia provinciale ha garantito la sorveglianza  sul territorio per le 24 ore della giornata di apertura. 254 i cacciatori controllati, 12 le sanzioni amministrative comminate, 1 sanzione penale, 2 i sequestri amministrativi, 2 i penali e 81 cartucce sequestrate. Tra le sanzioni amministrative: il mancato rispetto delle distanze da case e/o strade, la mancata annotazione sui tesserini dei capi abbattuti e/o dell’uscita; in tre casi si è provveduto anche al sequestro dei capi abbattuti (3 fagiani). Sono state sequestrate anche 81 cartucce caricate a piombo perché utilizzate in valle dove non è consentito. La sanzione penale è stata contestata a un cacciatore per aver abbattuto un volatile che non rientrava tra specie cacciabili, e quindi si è proceduto al sequestro del fucile e del capo abbattuto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento