rotate-mobile
Cronaca

Controesodo, controlli nelle stazioni dei treni: otto denunce

Aggressioni, norme sull'immigrazione, furti: diverse le segnalazioni nel fine settimana appena trascorso

E’ di 1.911 identificati e 8 denunciati il bilancio dei controlli polizia ferroviaria del Veneto nella settimana appena trascorsa; 186 sono stati i pattugliamenti nelle stazioni e 7 i servizi antiborseggio nelle principali stazioni della regione.  In concomitanza con l’aumentato flusso di viaggiatori collegato al primo controesodo estivo, gli agenti hanno intensificato le misure di vigilanza e controllo negli scali ferroviari.

Sono state denunciate 8 persone: in particolare nella stazione di Venezia è stato denunciato un cittadino rumeno, che era a bordo treno privo di mascherina. Ripreso dal capotreno, lo straniero lo ha afferrato e strattonato con forza. Altre tre persone, a Mestre, sono state denunciate per rifiuto a declinare le generalità, per inosservanza della normativa sull’immigrazione e per inottemperanza all’obbligo di soggiorno. Un italiano di 56 anni è stato segnalato per atti osceni compiuti a bordo treno, nei confronti di una giovane passeggera.

Nella stazione di Treviso, è stato denunciato un 44enne residente in provincia di Venezia perché si è impossessato della borsa dimenticata in stazione da una viaggiatrice. Le indagini, svolte anche con il supporto della visione delle telecamere, hanno consentito agli agenti di individuare il responsabile. La borsa è stata restituita alla proprietaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controesodo, controlli nelle stazioni dei treni: otto denunce

VeneziaToday è in caricamento