Controlli nelle stazioni dei treni, arresti e denunce

Operazione stazioni sicure: quasi 500 persone controllate, diversi i provvedimenti

Due arresti, una denuncia, dieci multe e un daspo urbano. E' il bilancio dei controlli dell'ultimo fine settimana da parte della polizia ferroviaria di Venezia, che è stata anche impegnata nella gestione del bomba day, per il disinnesco di un ordigno bellico da 500 libbre che era stato trovato a Marghera. Oltre ad aver fermato uno straniero che aveva molestato una giovane, gli agenti hanno arrestato, a Padova, un 50enne che doveva scontare una pena di 10 mesi in carcere per furto. 

Un altro uomo, invece, è stato denunciato perchè, completamente ubriaco, ha cominciato ad infastidire i passeggeri nella stazione e ha aggredito i poliziotti. Sabato, nell'ambito dell'operazione stazioni sicure in Veneto, sono state controllate 474 persone in 17 scali ferroviari, oltre a 40 bagagli depositati e 34 al seguito dei viaggiatori. Dieci le multe per inosservanza alle norme di sicurezza previste dal regolamento di polizia ferroviaria e un daspo a un cittadino straniero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento