menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Criminalità, al setaccio le Vaschette e i bar di Marghera

All'interno di una palazzina abbandonata sorpresi tre tunisini irregolari. Identificati gli avventori di cinque locali anche di piazza Mercato

Nuovi controlli della polizia stamattina nella zona delle Vaschette a Marghera. Una zona tristemente famosa per la presenza di edifici abbandonati in cui vige un degrado assoluto. Dopo i blitz delle scorse settimane, durante i quali alcuni stabili erano stati sgomberati e murati per evitare che si tramutassero in ricettacolo di spaccio o di malaffare, tre pattuglie del reparto prevenzione crimine di Padova, dieci agenti del reparto mobile e tre operatori del commissariato di Marghera, compreso il dirigente Luca Miori, sono entrati nell'area, occupata da sbandati, senzatetto e spacciatori, lungi dal fermarsi nel momento in cui si sono trovati le finestre e le porte murate.

Durante la perlustrazione, in mattinata, nella palazzina al civico 89, sono stati sorpresi tre cittadini di nazionalità tunisina irregolari sul territorio nazionale. Uno di loro, con precedenti per spaccio, è stato accompagnato al centro di identificazione ed espulsione di Milano, un altro invece, visto che ha nei propri confronti un procedimento penale sulle proprie spalle, è stato segnalato in questura, e l'ultimo è stato allontanato dal Comune di Venezia.

Gli accertamenti anticrimine hanno riguardato anche alcuni bar finiti nel mirino per questioni di ordine pubblico. Gli agenti hanno identificato gli avventori di cinque locali pubblici tra via Beccaria, via Pasini, piazzale Foscari e piazza Mercato, dove sono stati passati al setaccio il bar "Ae Do Spade", di fronte al quale il 10 marzo scorso è stato ucciso un 33enne di nazionalità macedone, e il bar "San Marco", teatro di almeno due violente risse nelle ultime due settimane, sventate anche grazie alla collaborazione con le forze dell'ordine della titolare cinese. Durante il servizio soono state identificate in tutto 31 persone, tra cui quattro con precedennti per reati contro il patrimonio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento